Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2021

Santa Colomba, eremita del Gran Sasso

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli  (le foto sono  di Francesco Mosca) (2009) Santa Colomba: la santa eremita del Gran Sasso di Franco Dino Lalli Tra i numerosi eremitaggi nel Gran Sasso d’Italia va menzionato uno in particolare che si riferisce ad una figura femminile, Santa Colomba, di cui storia e culto sono avvolti nella leggenda. La particolarità della tradizione cultuale sulla santa è soprattutto legata alla figura di giovanissima eremita che scelse di abbandonare gli agi della sua vita di nobile per dedicarsi ad una vita ascetica nelle impervie cime del Gran Sasso d’Italia. Da sottolineare anche che si rintracciano nella tradizione ad essa legata caratteri simili a quelli del culto di S. Franco di Assergi. Don Demetrio Gianfrancesco, nel suo libro “Assergi e S. Franco, Roma 1980, pp. 252 - 253” menziona la Santa: “Ruderi, a Campo Imperatore, di un monastero femminile (da me visitati nel 1967), dove sarebbe vissuta, nel XII sec., la Santa anacoreta Colomba, sorella di San Berardo, onorata

Fiori al Cimitero di Assergi

Immagine
 Post di Ivana Fiordigigli Ieri martedì 26 ottobre, tra le ore dieci e le undici, un furgoncino pieno di fiori, crisantemi colorati, e degli operai del Comune dell'Aquila si sono fermati davanti al Cimitero di Assergi e li hanno posizionati, dislocandoli opportunamente in vari punti, quasi una testimonianza di presenza e di partecipazione. Un gentile pensiero da parte del Comune, che per la ricorrenza del 2 novembre, giorno dedicato ai Defunti, ha deliberato di adornare e abbellire anche i cimiteri delle singole frazioni del suo ampio territorio. Un segnale sicuramente da riconoscere e apprezzare.   Stessa procedura che nei precedenti anni si è avuto quando nelle piazze dei singoli paesi è stato posizionato un albero di Natale illuminato, a segnare l'attenzione della Città nei confronti delle realtà periferiche.  Segnale di attenzione che vorremmo si sviluppasse e portasse ad una adeguata strategia di sviluppo nei confronti di tanti altri servizi sociali del nostro territorio,

Chiesa di Assergi: le nuove Stazioni della Via Crucis

Immagine
 Post di Ivana Fiordigigli E’ trascorsa qualche settimana dal primo annuncio che Don Manuel ha dato in chiesa del dono di quattordici rappresentazioni di stazioni di Via Crucis alla chiesa di Assergi fatto dalle Suore di Santa Paola Frassinetti di via Matera Re di Roma. Oggi la Sala San Franco ospita tali “Stazioni” in attesa che possano essere collocate a dimora negli appositi spazi lungo le colonne della navata centrale della chiesa “Santa Maria Assunta”, che è anche santuario di San Franco. Lì potranno risplendere in tutta la loro bellezza  Le quattordici formelle con bassorilievi in gesso sono contenute in una bella cornice d'epoca in legno lucido, con base piana e forma ad arco. La Via Crucis, anche conosciuta come la Via Dolorosa, è una narrazione delle ore finali della vita di Gesù Cristo sulla Terra. Le Stazioni della Via Crucis servono come un forte promemoria del modo umile in cui Gesù fu disposto a mettere da parte ogni privilegio di divinità per provvedere un cammino di

Raccolta di proverbi assergesi: Bontà; Bue; Bugie; a(B.2)

  Post Ivana Fiordigigli Raccolta di proverbi assergesi  di Franco Dino Lallil BONTA’ Chi pèchera se fa u lupe se ju magna. Chi pecora si fa il lupo se la mangia. BUE Ju bòve dice curnute j’àsene. Il bue dice cornuto all’asino. BUGIE Le buscìe tìnghene le zampe corte. Le bugie hanno le gambe corte.

Strade d’Abruzzo - L’Aquila, Arischia, San Franco, Santuario Papa Giovanni Paolo II (video)

Immagine
Post Ivana Fiordigigli Porto all'attenzione questo video, segnalato da Emanuela. E' produzione di "Rete 8 Sport" e protagonisti sette ciclisti di Strade D'Abruzzo( Enrico, Ivo, Matteo, Antonello, Luigi, Paolo, Tonino) Donatello Ricci telecamera, due rappresentanti della Protezione Civile. Ci presenta un'escursione ciclistica lungo un tragitto, impegnativo, in particolare in queste fredde giornate autunnali con la neve che ha cominciato a ricoprire le cime, ma anche molto panoramico, ai piedi del Gran Sasso.  Particolarità delle tappe lungo il percorso: - Partenza da Piazza Duomo, all'Aquila, e saluto al Gruppo da parte del Sindaco Pier Luigi Biondi ,  che sottolinea come L'Aquila è viva e ha voglia di correre. Indica le bellezze del capoluogo ricostruito, il Parco  della Memoria,  la chiesa delle "Anime Sante" ricordo vittime terremoto del 1703, la Cattedrale finalmente in ristrutturazione. Viene fuori una battuta sui dossi appena installati

Auguri per il lieto evento

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli I  Tutta l’associazione “Assergi: cultura, memoria e montagna” è in festa per il lieto evento: la nascita il 18 ottobre della piccola Bianca Sabatini.  I nostri più cari auguri ai genitori, Paul e Adriana Catalina Sandu, e ai nonni, in particolare alla nonna Maria Masciocco socia della nostra associazione.

Sinodo: cerimonia a Collemaggio per l’avvio della fase diocesana

Immagine
Post Ivana Fiordigigli Sottolineando l'importanza di tale evento anche per le singole parrocchie della diocesi dell'Aquila, riporto l'articolo de "Il Centro" del 18 ottobre 2021 a firma di Giustino Parisse. "L’AQUILA. Il cardinale arcivescovo Giuseppe Petrocchi ha aperto, nella basilica di Collemaggio, la fase diocesana del Sinodo. Hanno concelebrato il vescovo ausiliare Antonio D’Angelo e il nunzio apostolico Orlando Antonini, alla presenza del clero diocesano e di centinaia di fedeli. Pochi giorni fa, aprendo il Sinodo nella basilica di San Pietro il Papa ha detto: «Aprendo questo percorso sinodale, iniziamo con il chiederci tutti – Papa, vescovi, sacerdoti, religiose e religiosi, sorelle e fratelli laici – : noi, comunità cristiana, incarniamo lo stile di Dio, che cammina nella storia e condivide le vicende dell'umanità? Siamo disposti all'avventura del cammino o, timorosi delle incognite, preferiamo rifugiarci nelle scuse del “non serve” o del “si

I luoghi lungo l'Aterno-Pescara

Immagine
 Post di Ivana Fiordigigli       Lettura del Video-documentario "Aternum, storia di un fiume di Franco Dino Lalli Il documentario presenta paesaggi naturali, testimonianze storiche, attività socioeconomiche preminenti e ritenute significative, presenti nei luoghi descritti. Capitignano: castagneti, prati, case e chiese con reperti storici e artigianali, avvio di un museo della civiltà contadina e un centro congressi nel rinascimentale Palazzo Ricci già residenza estiva dei pontefici e sede di attività culturali; Montereale: laghetti, mulini centenari, Fonte di Fra’ Clemente, torre, chiese, palazzi dei Farnese, attività turistiche; Cagnano: attività primarie, cementificio, chiesa di S. Pelino; Cascina: casali, cascinali, pianori, faggete, inghiottitoi, agriturismo; Barete: chiesa di S. Paolo, macine di mulini antichi, frazione di Basanello: quercia secolare millenaria e maestosa; Tratta della ferrovia del 1935 che collegava L’Aquila a Capitignano scomparsa sotto i prati e, a

ATERNUM, STORIA DI UN FIUME di Febo Grimaldi (video)

Immagine
Scheda tecnica di Franco Dino Lalli Testo, fotografia e regia: Febo Grimaldi Consulenza storica: Walter Capezzali Coordinamento: Rita Biamonti Voce: Pierluigi Salucci Montaggio: Armando Croce Hanno collaborato: Domenico Cicerone, Marco Donati, Giorgio Masciocchi, il Canoa Club di Pescara con Luigi Mosca e Aristide Di Fulvio Durata: 40 minuti circa. Nei suoi film Febo Grimaldi ha raccontato la nostra terra con l’ausilio della cinepresa e ci ha offerto una documentazione dettagliata di ambienti umani, storici, sociali, economici con la poesia delle immagini e delle parole. In Aternum, storia di un fiume, ci offre la descrizione dell’Aterno-Pescara che, dalle sorgenti alla foce, scandisce, nel suo percorso pagine e pagine di vita e di storia. L'Aterno-Pescara, il fiume più lungo d'Abruzzo (145 km), nonché il maggiore per estensione di bacino (3 190 km²), nasce sui Monti dell'Alto Aterno dalle acque del lago di Campotosto, 300 metri più in basso, fra Capitignano e Monterea

Fonte della Portella

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli   La storica Fonte della Portella il 9 ottobre 2021 è stata al centro di una commovente cerimonia. Con un apprezzabile e sensibile gesto in memoria di Emilio Ciammetti la Fonte è stata restaurata ed è' stata posta una nuova segnaletica e una piccola targa a ricordo dell'ex Finanziere del Soccorso Alpino delle Fiamme gialle, vittima lo scorso marzo di un incidente stradale. L’iniziativa, proposta dalla Federazione per la Rinascita della Forestale Ambientale, si è realizzata con l’adesione del Soccorso Alpino e del Comune dell’Aquila. Si è così voluto rendere omaggio ad un uomo appassionato della montagna e che con molto impegno e generosità ha prestato la sua opera di soccorso. La sorgente di Fonte Fonte della Portella si trova a 1880 metri di altezza, mentre il Passo della Portella è situato a 2160 m. Presso di essa per secoli hanno sostato e si sono ristorati pastori, escursionisti, viandanti, commercianti, pellegrini devoti, mentre scendevano o risal

Lavori lungo la SS. 17 Bis tra il km. 16 e 17

Immagine
  Post Ivana Fiordigigli Torniamo a pubblicare un articolo del 13 giugno 2021, già inserito sul sito, perché un fatto nuovo, ancora in corso, dà un ulteriore valore di attualità al discorso sull'antico e molto transitato percorso descritto. Si tratta sicuramente di una strada, o comunale o vicinale, ma di importanza storica, turistico-escursionistica, economica, fondamentale per percorrere e capire il territorio di Assergi e dintorni. Il fatto nuovo è che tra il km. 16 e il km. 17 della SS 17 Bis si stanno svolgendo da parte dell'A.N.A.S.  importanti lavori di revisione strutturale della strada, di rinforzo e di sostegno dei bordi e quanto altro necessario, ma si sta anche sigillando per sempre l’accesso a un percorso storico. Occorre qui far notare che non si tratta di accesso a terreni privati o a singole proprietà; si tratta, invece, della possibilità di accedere ad una strada di collegamento, un tempo importantissima, tra la valle del Raiale che si stende tra Paganica. Cama