Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2022

Raccolta di proverbi assergesi ( F):FAME, FAMIGLIA, FATTI, FEBBRAIO, FIDUCIA, FIGLI, FINE, FORTUNA, FRETTA

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli. Raccolta di proverbi assergesi (lettera F) di Franco Dino Lalli FAME La fama caccia u lupe dalla tana. La fame caccia il lupo dalla tana. La fama sgarba j’òme. La fame rende l’uomo sgarbato. O màgnate sta minestra o zumpa dalla finestra. O mangiati sta minestra o salta dalla finestra. U satolle nen crede aj’affamate. Il sazio non crede all’affamato. FAMIGLIA I panni sporchi se lavane n-famijja. I panni sporchi si lavano in famiglia I parenti so come ji denti, chiù so stretti e cchiù te fregane. I parenti sono come i denti, più sono stretti e più ti fregano. FATTI Fa quele che ju prète dice e no quele che ju prète fa. Fa quello che dice il prete non quello che il prete fa. Tra il dire e il fare c’è de mezze u mare. Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. FEBBRAIO A Carnavale ogni brulla vale. A Carnevale ogni scherzo vale. Se febbraie nen febbraiéa, marze e aprile le reparéa. Se febbraio non è incostante, marzo e aprile ripareranno. Febbraie corte e ama

Le vedove bianche: le donne dei pastori.

Immagine
Post Ivana Fiordigigli Le vedove bianche: le donne dei pastori. di Giancaterino Gualtieri Marìte mìe nen puàzze arrevenì.                                      Marito mio non possa tu tornare. Tu uà cchiù bbéne alle pecùra ch’a mmì.                         Tu vuoi più bene alle pecore che a me A tté nen te ci pòzza arretruà.                                            A te non ti ci possa ritrovare. Le pècura ce dàve da maggnà.                                         Le pecore ci danno da mangiare. Quattro versi (forse) di “ incanata ” che dicono più di un trattato sulla triste condizione pastorale ed esprimono con asprezza verbale come si dovesse o si potesse sentire una donna lasciata sola e un uomo che, per campare lui e la famiglia, doveva anteporre alla famiglia e agli affetti coniugali e paterni il greve lavoro. E’ indice di quale difficoltà ne derivavano anche nei rapporti coniugali. Si parte per la transumanza a settembre e si torna agli inizi di maggio, si rimette in

Cimitero di Assergi: appello dei cittadini.

Immagine
Post Ivana Fiordigigli Cimitero di Assergi Appello per stabilità della struttura dei loculi. Se per il cimitero monumentale di L'Aquila ieri un cittadino su "Il Centro" protestava e lanciava un appello per ristabilire il decoro delle tombe sommerse tra erba alta, fiori buttati e degrado, per il cimitero di Assergi ieri un gruppo di cittadini ha fatto notare e fatto segnalare da un operaio addetto alle sepolture, presente per un funerale, del Comune un più grosso problema di tipo strutturale.  A questo si aggiunge che nei loculi presenti nella parte alta del cimitero non si accendono le luci votive! Per i loculi che sono sulla parte destra, quando si esce dal cimitero, tutto il quarto settore in fondo a destra ha avuto uno spostamento in avanti, rispetto alla facciata, per cui occorre un adeguato sopralluogo ed eventualmente lavori per poter adeguatamente provvedere a rinforzare e stabilizzare la struttura, che corre il rischio di cadere. Dalle foto che seguono si può not

Un nuovo esposto per l’acqua del Gran Sasso.

Immagine
 Post Ivana Fiordigigli Un nuovo esposto per l’acqua del Gran Sasso. Torniamo alla notizia della presenza del toluene nell’acqua all’Aquila, che ha creato tanto scalpore e portato alla dichiarazione di non potabilità dell’acqua in tanti comuni, ma poi è stata subito ritirata.  In un articolo del “Il Centro” di oggi, 27 giugno 2022, si afferma che c’è anche chi non crede che sia stato un falso allarme e chiama in causa la magistratura per il reato di inquinamento dell’acqua. Il medico di base teramano Elso Castelli, presidente del comitato “Azione Popolare”, ha organizzato per oggi alle ore 11.30 un presidio davanti al Palazzo di Giustizia di Teramo.

Un fenomeno da approfondire: i pastori bambini nella transumanza.

Immagine
Post Ivana Fiordigigli Nel rapporto della FAO del 2 marzo 2013 sullo sfruttamento minorile, prima di suggerire ai Paesi e alle agenzie per lo sviluppo di affrontare il problema del lavoro minorile nel settore zootecnico con una serie di interventi, si legge: “Per secoli” le comunità dedite alla pastorizia hanno coinvolto i propri figli nell’allevamento del bestiame. Il futuro e la sopravvivenza della famiglia ha fatto affidamento sul trasferimento di conoscenze locali complesse trasmesse da padre a figlio”.  “Le comunità dei pastori riconoscono oggi l’importanza della scolarizzazione dei propri figli e sono più propensi a mandarli a scuola, se l’insegnamento è di buon livello ed è pertinente con il modo di vivere pastorale, specialmente se la scuola può essere complementare con il lavoro dei ragazzi nella pastorizia”. Il lavoro minorile (o sfruttamento minorile) e le sue implicazioni: i pastori bambini. di Giancaterino Gualtieri Dopo la riunificazione forzosa e drammatica dei vari st

LA LUCCIOLA (angolo della poesia)

Immagine
 Post Ivana  LA LUCCIOLA  Un tuffo nella notte… e le ho sfiorate: candeline accese sulla torta dell’estate. Cosa sono le lucciole? Stelle piccole di prato per farmici giocare… il cielo s’è abbassato. https://www.filastrocche.it/contenuti/lucciole-2/ Tratto da Magia delle piccole cose, Ed Opera Naz. Montessori 2001 Pubblicato da Marco Moschini il 2 ott. 2013 Com’è bello il campo di frumento a prima notte! Sembra un mantello nero di broccato, trapunto di cento, di mille stelline… A sciami, a frotte le allegre luccioline si mettono in viaggio; ciascuna ha rubato un pallido raggio a la luna. Ed ogni fiammella, sul piano, cerca la spiga più bella di grano. https://www.filastrocche.it/contenuti/lucciole-5/ pubblicato da E. Ottaviani il 23 luglio 2017 Lucciola O trepida luce che brilli sull’erba dell’umido prato, ti culla un concerto di grilli, t’ammira un bambino incantato. Dal cielo, milioni di stelle t’invitan con loro, stasera; in alto, fra quelle più belle, ti innalzi felice e leggera.

San Giovanni Battista

Immagine
   Post Ivana F. San Giovanni Battista di Franco Dino Lalli Il culto di San Giovanni Battista era molto importante per il significato che rivestiva nel battesimo il ruolo dei compari, ma anche per le manifestazioni che si attuavano nella sua festività che cade il 24 giugno. La sera e la notte precedente, il rito che si svolgeva nel paese e anche in altri a cui tutti, in varie modalità, partecipavano, era quello dei “ fochi de San   Giovanne ”. da:  www.supercoloring.com In ogni vicinato del paese, quando esso ancora rivestiva un’importanza notevole nella vita quotidiana, si accendevano dei fuochi rituali. All’accensione di questi fuochi tutti contribuivano con la loro parte di provviste di fascine. L’atmosfera raggiungeva il massimo livello di euforia quando questi fuochi, che raggiungevano anche vari metri di altezza, erano saltati da ragazzi e giovani che provavano a sfidare le fiamme per mostrare coraggio e determinazione. In questa prova, in questi tentativi, è forse individuabile

Cosa è la Transumanza

Immagine
 Post Ivana Fiordigigli Giancaterino Gualtieri ci offre una panoramica del fenomeno storico della transumanza attraverso alcuni documenti del suo svolgersi già in epoca romana, una definizione linguistica del termine, dopo la sua scomparsa il rinascere e riaffermarsi della transumanza con la conquista normanna che riunifica i territori coinvolti e arriva ad emanare dei regolamenti, dando sicurezza al traffico di uomini, animali, merci che si spostavano periodicamente tra l'Italia centrale, soprattutto le zone dell'Abruzzo, e i pascoli pugliesi attraverso i tratturi. Indicazioni bibliografiche completano il quadro; l'attenzione viene però portata ad alcuni fenomeni  socio-economico-sociali meno toccati dalle varie indagini, ma non per questo meno importanti ed interessanti, che presenteremo  i prossimi giorni. (Lo scritto fa parte di un suo intervento di relazione, tenuto di recente presso l'Università della Terza Età dell'Aquila) [Ho]mines ego moneo niquei diffidat