Post

Giochi di una volta ad Assergi: LA BAMBOLA (lab. memorie)

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli Torniamo con questo articolo al Laboratorio delle memorie "I giochi di una volta" .  Seguiamo Franco Dino Lalli che ci presenta il gioco preferito dalle bambine, di tutto il mondo e anche di Assergi. Le bambine erano solite giocare con le bambole che permettevano giochi di ruolo ben definiti riferendoli a quelli degli adulti, in particolare precise consuetudini familiari: cullare la propria bambola come se fosse stato un proprio figlio, darle da mangiare, pettinarla, e mille altre cose suggerite dalla fantasia. Foto da internet Non tutte potevano permettersi il lusso di averne una o di potersela far comprare dai genitori e pertanto si procedeva alla costruzione, anche con l’aiuto di essi, per mezzo di materiali poveri racimolati in casa come ad esempio stoffe cucite e riempite per crearne il corpo, fili di lana o altro per i capelli, bottoni per gli occhi e per la bocca e stoffe di vario genere per abbellirle. Foto di Ivana Fiordigigli Era usato anch

Padre Corrado è tornato alla Casa del Padre

Immagine
Don Manuel Cepeda da questa triste notizia. Padre Corrado è tornato alla Casa del Padre 8 APRILE 2021   E’ tornato alla Casa del Padre Corrado (Domenico) Lancione ofm cap. Per quasi 40 anni aveva svolto il suo ministero a servizio dei malati prima in una clinica privata cittadina e poi, fino alla pensione, nel 2019 presso l’Ospedale San Salvatore dell’Aquila. Tra i vari incarichi anche quello di Parroco della Parrocchia di Rocca di Cambio (1975-77) e di San Giovanni Battista in Pile (1983-1987). Nel 1976 era stato assistente ecclesiastico provinciale dell’U.C.I.I.M., poi cappellano dell’Italtel nel 1977, assistente ecclesiastico delle ACLI nel 1978 e dell’Unitalsi nel 1987. Nato a Roio Colle (L’Aquila) 86 anni fa, il 18 novembre 1934, era stato ordinato presbitero il 28 febbraio 1960. Apparteneva al Convento francescano cappuccino di S. Chiara. Scampato alla furia del sisma nel 2009 non aveva mai abbandonato i malati anche nelle tendopoli allestite dopo il 6 aprile 2009 per poi torn

La nostra "Piazza del Campo" di Lorenzo Giusti- (lab. memorie: i luoghi)

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli In un articolo del 22 febbraio su questo sito Franco Dino Lalli aveva portato la nostra attenzione su un luogo di Assergi importantissimo anche per i ragazzi, che a volte se ne impadronivano eleggendolo a loro territorio: "La piazza era dunque un punto di ritrovo importante nel quale ci potevamo dedicare a sfrenate corse ma soprattutto a interminabili partite di pallone tra squadre che si formavano al momento... La piazza ci accoglieva per buona parte dell’anno, in quasi tutte le ore del giorno quando eravamo liberi dagli impegni della scuola o di altro genere ed era vissuta così intensamente che al vederla così spoglia e solitaria oggi non ci restano altro che rimpianti." I ragazzi delle varie generazioni, che si sono succedute, anche materialmente hanno cercato di lasciare un segno del loro predominio proprio in quella piazza così importante da costituire il centro nevralgico del paese nelle più varie occasioni: le festività annuali, la Domenica, l

Commemorazione delle vittime del terremoto 2009

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli (vedi più sotto video "Dedicato a Silvana" di Cifone) Il terremoto della notte tra il 5 e 6 aprile 2009 non ha creato vittime nel borgo di Assergi; infatti non ci sono stati grossi crolli, anche se molte case del centro storico sono rimaste danneggiate ed il centro da quella notte è ancora disabitato e semi deserto, in attesa di una ricostruzione che tarda ad arrivare, mentre muri e tetti continuano a sgretolarsi e crollare. Nonostante ciò, scorrendo i nomi delle vittime del terremoto sulla targa in maiolica del “Giardino della Memoria” di Lucoli, il quarto nome della lista è quello di una cittadina assergese: Alloggia Silvana. Il corpo di Silvana riposa attualmente nel cimitero di Assergi, dove riposano anche i genitori.  Proprio al cimitero è capitato un triste episodio: una tradizionale conca di rame, proprio quella con cui le donne un tempo usavano cogliere l'acqua alla fontana e alla quale lei era affettivamente legata, posta sulla sua tomba

Il recupero del patrimonio artistico ad Assergi: notazioni di restauro

Immagine
Per ricordare Giovanna Di Matteo voglio  riportare il suo saggio presentato al Convegno svoltosi in Assergi nel giugno 2012 e pubblicato fra gli Atti del convegno "San Franco di Assergi - Storia di eremitismo e santità alle pendici del Gran Sasso" a cura di I. Fiordigigli,  Arkhé Ed.,  maggio 2014, pp. 81-84. Contattata per il convegno, non solo accettò volentieri di partecipare, ma offrì ad Assergi l'opportunità di conoscere il recupero e restauro di molte delle sue opere artistiche, ascoltare i restauratori che se ne erano occupati, sapere dove erano allora conservate, in attesa di un ritorno delle stesse in Assergi. Varrebbe la pena di prendere in considerazione la sua proposta di creare in Assergi un museo delle opere, per poterle riavere nel luogo di origine, ma proteggendole. Occorre ricordare che fra le opere portate in Curia e restaurate c'è anche la preziosissima Cassa-reliquiario di San Franco. (Post di Ivana Fiordigigli) Il recupero del patrimonio artistico

Addio e un saluto a Giovanna Di Matteo

Immagine
 di Ivana Fiordigigli Ieri sera con dolore abbiamo saputo della scomparsa della Dott.ssa Giovanna Di Matteo, ricercatrice, studiosa, esperta di storia dell’arte, curatrice di mostre, scrittrice di saggi.. I giornali e i siti internet la ricordano soprattutto per il ruolo svolto con passione nell’ambito della Perdonanza Celestiniana, come curatrice del Corteo Storico e degli abiti d’epoca. Noi della associazione culturale “Assergi: cultura, memoria e montagna” dobbiamo ricordarla, oltre che per l’apporto culturale e di attenta partecipazione dato ai nostri progetti, anche come socio onorario della stessa. Ci ha seguito con attenzione, ha sostenuto le nostre idee, ha condiviso la preoccupazione per le sorti del patrimonio storico di Assergi, soprattutto della sua antica chiesa “S. Maria Assunta”, della quale ha appoggiato la necessità dei lavori strutturali e di restauro; lavori che si sono appena conclusi. Ammirava i suoi affreschi ed arredi; e non si fosse ammalata molto avrebbe fatto

Il "Giardino della Memoria" di Lucoli

Immagine
Ci rallegriamo con Lucoli per il successo della bella e significativa iniziativa nata dieci anni fa. L'associazione "NoiXLucolionlus" è la stessa che ha donato ad Assergi la piantina di quercia in memoria dell'Ottocentenario di San Franco. LA RICORRENZA DEL DODICESIMO ANNIVERSARIO DEL SISMA 2009 VERRA’ FESTEGGIATA A LUCOLI CON IL RICONOSCIMENTO DEL “GIARDINO DELLA MEMORIA”, NATO DIECI ANNI FA, COME SITO DI CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA’ DI INTERESSE AGRICOLO ED ALIMENTARE. A questo proposito ha anche ricevuto una importante testimonianza di stima dal Presidente della Regione Abruzzo dott. Marco Marsilio con l'invio di una lettera. Racconta NoiXLucoli: “Per la nostra Associazione si è trattato di un risultato che vede la naturale evoluzione scientifica di un progetto nato con un intento morale e simbolico  di custodia della memoria delle 309 vittime del terremoto del 2009...  Il Giardino della Memoria è stato inaugurato il 29 maggio del 2011 e quest'anno fes

4 Aprile 2021 Pasqua di Resurrezione

Immagine
  La bella e antica chiesa S. Maria Assunta di Assergi si prepara per la celebrazione della Pasqua 2021. Foto di Don Manuel Cepeda

La tradizione dell'uovo di Pasqua

Immagine
  LA TRADIZIONE DELL’UOVO DI PASQUA di Franco Dino Lalli L’origine della simbologia dell’uovo risale a tempi lontanissimi antecedenti la nascita della religione cristiana. L’uovo rappresentava il concetto di vita e perciò se ne affermava la sacralità. Ad esempio alcune culture pagane credevano che il cielo e la terra formassero tutte insieme un uovo. Gli Egizi ritenevano che fosse l’origine e il fulcro dei quattro elementi fondamentali: la terra, l’aria, l’acqua e il fuoco. Si può far risalire la consuetudine di regalare uova fin dagli antichi Persiani che scambiavano uova di gallina nel tempo della rinascita primaverile e la tradizione si diffuse anche in altri popoli antichi, come gli Egiziani che stabilivano questo periodo come l’inizio del nuovo anno, i Greci , i Cinesi ai quali si possono far risalire le prime uova decorate a mano. Nei paesi a Nord del mondo, come le attuali Russia e Scandinavia, era legato all’uovo il significato della continua rinascita e r

Ricetta Colomba di Pasqua

Immagine
Si propone, di seguito, una videoricetta per la realizzazione della Colomba Pasquale,  a cura dello Chef Stefano Barbato.  La ricetta dalla è stata sperimentata e realizzata, in casa, con ottimi risultati!

Rito del Venerdì Santo

Immagine
Post di Ivana Fiordigigli   Un pensiero da Don Manuel, parroco di Assergi A i Parrocchiani e Cittadini di Assergi. Invio le foto che seguono, perché tutti possano, anche se soltanto via Web, seguire il rito del Venerdì Santo svolto nella chiesa “Santa Maria Assunta” in Assergi. Stiamo attraversando tutti una situazione molto difficile, il Covid è ancora un grosso pericolo, ma la Pasqua è un invito alla riflessione, alla speranza, alla pace e per tutti mi auguro di “RE MARE” insieme verso queste mete U na frase di William Wordsworth afferma che “ Due voci possenti ha il mondo: la voce del mare e la voce della montagna” L a vita è come remare in mezzo alle onde durante la tempesta; si è in pericolo, ogni istante può essere fatale, ma occorre continuare a remare con tutta la propria forza.