Cimitero di Assergi: appello dei cittadini.

Post Ivana Fiordigigli


Cimitero di Assergi

Appello per stabilità della struttura dei loculi.


Se per il cimitero monumentale di L'Aquila ieri un cittadino su "Il Centro" protestava e lanciava un appello per ristabilire il decoro delle tombe sommerse tra erba alta, fiori buttati e degrado, per il cimitero di Assergi ieri un gruppo di cittadini ha fatto notare e fatto segnalare da un operaio addetto alle sepolture, presente per un funerale, del Comune un più grosso problema di tipo strutturale. A questo si aggiunge che nei loculi presenti nella parte alta del cimitero non si accendono le luci votive!
Per i loculi che sono sulla parte destra, quando si esce dal cimitero, tutto il quarto settore in fondo a destra ha avuto uno spostamento in avanti, rispetto alla facciata, per cui occorre un adeguato sopralluogo ed eventualmente lavori per poter adeguatamente provvedere a rinforzare e stabilizzare la struttura, che corre il rischio di cadere.






Dalle foto che seguono si può notare lo spostamento in avanti del marmo e della struttura in avanti, rispetto alla base della striscia di marmo verticale.






Dalla parte esterna la struttura con le sue crepe nella parte posteriore non rassicura per niente il cittadino. Se non si interviene, può costituire un pericolo pubblico per i cittadini che, ignari, si avvicinano per mettere fiori ed onorare i propri defunti.








Il decoro del cimitero periodicamente viene assicurato. almeno con il taglio dell'erba, da parte del Gruppo Alpini di Assergi, e di questo vanno ringraziati, ma il Comune dell'Aquila come e quando interviene? 

Qualche anno fa, nell'aprile 2019 fu fatta segnalazione per il degrado e il bisogno di rinforzo e ristrutturazione dei loculi piccoli per le ceneri dei defunti, ma anche lì c'è un nulla di fatto e la situazione è peggiorata.




Commenti

Post popolari in questo blog

San Martino: tradizioni popolari in Abruzzo di Franco D. Lalli

Giochi di una volta ad Assergi: PALLA BATTIMURO (lab. Memorie)

"Montagna da vivere - una sfida" di Gianfranco Totani