Raccolta di proverbi assergesi di Franco Dino Lalli (FAME, FAMIGLIA, FATTI, FEBBRAIO, FIDUCIA, FIGLI, FINE, FORTUNA, FRETTA)

 Raccolta di proverbi assergesi (lettera F)

di Franco Dino Lalli




FAME


La fama caccia u lupe dalla tana.


La fame caccia il lupo dalla tana.



La fama sgarba j’òme.


La fame rende l’uomo sgarbato.




O màgnate sta minestra o zumpa dalla finestra.


O mangiati sta minestra o salta dalla finestra.




U satolle nen crede aj’affamate.


Il sazio non crede all’affamato.





FAMIGLIA


I panni sporchi se lavane n-famijja.


I panni sporchi si lavano in famiglia




I parenti so come ji denti, chiù so stretti e cchiù te fregane.


I parenti sono come i denti, più sono stretti e più ti fregano.





FATTI


Fa quele che ju prète dice e no quele che ju prète fa.

Fa quello che dice il prete non quello che il prete fa.



Tra il dire e il fare c’è de mezze u mare.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.




FEBBRAIO


A Carnavale ogni burla vale.


A Carnevale ogni scherzo vale.


Se febbraie nen febbraiéa, marze e aprile le reparéa.

Se febbraio non è incostante, marzo e aprile ripareranno.




Febbraie corte e amare.

Febbraio corto e amaro.





Se alla Cannelòra fa u sòle dall’immerne seme fòre, ma se alla


Cannelòra fa sole solegne steme mmezze all’immerne.


Se alla Candelora c’è il sole dall’inverno siamo fuori, ma se alla Candelora c’è un sole incert

siamo in mezzo all’inverno.




FIDUCIA


Nen te fidà de chi guarda n-terra.

Non fidarti di chi guarda per terra.




FIGLI


A chi nen tè fiji nen ci jì né p ’aiute né pe cusiji.

A chi non ha figli non si va né per chiedere aiuto né per consigli.


Cresce cresce d’ogni bene.





Daju sterpe renasce u sterpetejie.

Dallo sterpo rinasce lo sterpetto.


Dalla fichera nasce u ficurijie.

Dal fico nasce il piccolo fico.


Fiji piccheli guai piccheli, fiji rossi guai rossi.

Figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi.




FINE


Lo pegge a scortecà è la cova.

La cosa peggiore da scorticare è la coda.



Rije bone chi rije ùrdeme.

Ride bene chi ride per ultimo.





FORTUNA


Chi tè tempe nen aspetta tempe.

Chi ha tempo non aspetti tempo.



Lo ferre se batte quanne è calle.


Il ferro si batte quando è caldo.




Ogni lassata è pèrza.


Ogni lasciata è persa.



Se chiuve na porta e s’apre nu portone.


Si chiude una porta e si apre un portone.





FRETTA



La jatta furiosa fece i fijji ciechi.


La gatta furiosa fece i figli ciechi.

Commenti

Post popolari in questo blog

San Martino: tradizioni popolari in Abruzzo di Franco D. Lalli

Giochi di una volta ad Assergi: PALLA BATTIMURO (lab. Memorie)

"Montagna da vivere - una sfida" di Gianfranco Totani