Giochi di una volta ad Assergi: PALLA BATTIMURO (lab. Memorie)

 Post Ivana F.

Proseguiamo la ricerca sui giochi di una volta riportando la nostra attenzione sulla palla, quale protagonista del divertimento di bambini e adolescenti.


PALLA BATTIMURO

di Franco Dino Lalli

Un gioco di gruppo, preferito dalle bambine per la filastrocca e la semplicità di esecuzione, era quello di lanciare una palla contro il muro. L'abilità consisteva nel fare dei movimenti ben precisi, prima del ritorno della palla nelle proprie mani, ripetendo la seguente filastrocca, passo dopo passo.







Movendomi, 

(girando su se stessa)

stando ferma,

(stando immobile)

con una mano, 

(riprendere la palla con una mano)

a battere,

(dopo aver battuto le mani)

allo zigolo lo zagolo

(riprendere la palla dopo aver battuto le mani davanti e dietro il corpo)

il violino 

(ruotando uno sull'altro le due avanbraccia)

un bacino 

(lanciando un bacio)

tocco terra

(toccando la terra)

tocco cuore, 

(toccando il petto)

un bacin d’amore 

(lanciando un bacio).

Il gioco prevedeva dunque una discreta abilità oculo manuale nonché una capacità mnemonica di ricordare le consegne che venivano interpretate dalla sensibilità personale.




Filastrocca (altra versione)

Muovere (si muove)
Senza muovere (si sta fermi)
Senza ridere (non si ride)
Con un piede (si resta su di un piede )
Con una mano (Si deve riprendere la palla con una mano -difficoltà-)
Zigo-Zago (si battono le mani davanti e dietro la schiena )
Ruota ( si girano le braccia lateralmente ai fianchi )
Battere (si battono le mani davanti al petto )
Un bacio ( si manda un bacio con la mano )
Sottogamba (Si lancia la palla facendola passare sotto la gamba –Difficoltà)
In ginocchio (si poggia un ginocchio a terra e si lancia la palla –difficoltà)
Tocco terra (si lancia la palla e si tocca terra prima di riprenderla-difficoltà)
Ritocco terra (si ripete come prima )
Angioletto (Si lancia la palla al muro e si incrociano le mani sul petto per poi riprendere la palla )
Tocco il cuore (Si lancia la palla al muro e si mette la mano sul petto per poi riprendere la palla)

La filastrocca è finita e con essa il gioco, vince chi la porta a termine
Gioco di abilità, concentrazione, memoria e rispetto delle regole

Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.