Perdonanza - Pass per Papa Francesco

Post Ivana Fiordigigli






Il 15 agosto in chiesa, fra gli avvisi dati dal Parroco Don Manuel, si è annunciato che dal giorno 22 agosto prossimo anche nella Parrocchia di Assergi saranno a disposizione i pass per poter accedere a Piazza Duomo (1700 posti, compresi i 600 riservati) e nel Piazzale di Collemaggio (circa 5000 posti) il 28, giorno della visita del Papa

Per i 600 posti previsti a Piazza Duomo come riservati ai familiari delle vittime occorre compilare i moduli disponibili presso la Diocesi.

Chi non avrà il pass potrà comunque salutare Papa Francesco nei tratti dall'ex Standa alla chiesa di Cristo Re e poi lungo tutto il viale di Collemaggio. Il percorso del pontefice sarà transennato.

Intanto ha già preso il via la Perdonanza Celestiniana n° 728, con il rito del Fuoco del Morrone e con la fiaccola che scende dall’Eremo di Sant’Onofrio.

All’Aquila arriverà martedì prossimo ripercorrendo l’itinerario che, nominato pontefice, Celestino percorse nel 1294 per arrivare all’Aquila e alla Basilica di Collemaggio, dove ricevette le insegne papali:

  • Eremo di Sant’Onofrio
  • Bagnaturo
  • Sulmona, con la staffetta dei tedofori che arriva nel piazzale della Cattedrale di San Panfilo con un corteo e lo spettacolo di taburini e sbandieratori della giostra cavalleresca;
  • Pratola
  • Raiano,
  • Goriano Sicoli
  • Castel di Ieri
  • Castelvecchio Subequo
  • Molina Aterno
  • Acciano
  • Tione degli Abruzzi
  • Corbellino di Fagnano Alto
  • Fontecchio
  • Ripa Fagnano
  • Caporciano
  • Villa Sant'Angelo, a
  • San Demetrio ne' Vestini
  • Sant'Eusanio Forconese a
  • Fossa
  • Onna
  • Paganica
  • Pianola
  • Arrivo all'Aquila per confluire nel Corteo della Bolla.

Sarà un giovane della nazionale ucraina di ciclismo, ospite da marzo all'Aquila, l'ultimo tedoforo chiamato ad accompagnare il Fuoco del Morrone, nel tratto che attraverserà le vie del centro storico del capoluogo abruzzese, prima di procedere all'accensione del tripode della 728esima Perdonanza celestiniana. Un simbolo di pace e fratellanza che illuminerà la scena della Perdonanza che vivrà il suo momento clou il 28 con la visita del Pontefice.

Il Giovin Signore sarà Shihong Fu, di 26 anni, fisico, cinese, ricercatore ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso, mentre la Dama della Croce è una ricercatrice in Economia applicata al Gran Sasso Science Institute, Adriana Carolina Pinate, nata in Venezuela quale figlia di emigrati italiani. 
Reggerà l'astuccio con la copia della Bolla la ventisettenne profuga Afgana .Kavsar Abulfazil.
Una Perdonanza, ha detto il Sindaco, che punta l'attenzione sulla tradizione della accoglienza e della inclusività che denotano la città dell'Aquila. E' simbolico che si sia scelto quali protagonisti del Corteo tre stranieri presenti all'Aquila per studio, lavoro e ricerca.



Commenti

Post popolari in questo blog

L'Acqua di San Franco e la tradizione.

Giochi di una volta ad Assergi: PALLA BATTIMURO (lab. Memorie)