La memoria del mondo contadino nei libri di Francesco Galiffa

 Post Ivana Fiordigigli

Mi sembra interessante parlare di un libro edito circa un anno e mezzo fa:

Francesco Galiffa, Eravamo contadine, Arsenio Edizioni.

E' come un affresco della vita quotidiana, di usi e costumi dei mezzadri, piccoli proprietari terrieri della Val Vibrata, in provincia di Teramo.

Particolare che si parli di donne contadine e particolare il metodo seguito: venticinque interviste a signore ultranovantenni della Val Vibrata, con approfondimento e sviluppo dei temi emersi. Viene seguito il metodo della ricerca storica, basato su fonti edite e su fonti orali dei protagonisti.

E' in pratica la ricostruzione di un mondo che oggi sembra essere sparito nel nulla, sotto l'impulso dei veloci cambiamenti della società attuale. Anche dove è rimasta, l'agricoltura e il mondo contadino non sono più quelli di prima, tanto nel modo di coltivare che nel tipo di coltivazioni, nei prodotti e concimi fertilizzanti usati, negli antiparassitari, nella manovalanza diventata quasi tutta straniera

L'autore, Francesco Galiffa, sta preparando un nuovo libro sulla Val Vibrata: questa volta il recupero sul filo della memoria riguarda i mestieri artigianali di una volta, come il calzolaio, il sarto, il fabbro ed altri.



Foto de "Il Centro del 04/07/2022

Commenti

Post popolari in questo blog

San Martino: tradizioni popolari in Abruzzo di Franco D. Lalli

Giochi di una volta ad Assergi: PALLA BATTIMURO (lab. Memorie)

"Montagna da vivere - una sfida" di Gianfranco Totani