Ricetta per fare il sapone

 Post di Ivana Fiordigigli

Dato che ieri abbiamo di nuovo toccato l'argomento "Sapone fatto in casa", credo possa essere interessante conoscere la ricetta, o meglio il dosaggio degli ingredienti per ottenere un ottimo sapone. Le precauzioni di sicurezza, però, non saranno mai abbastanza, dato l'uso della soda. Vanno tenuti accuratamente lontani dalla lavorazione i bambini.

A suo tempo ho visto fare il sapone ed ho partecipato ad alcune fasi, ma non ricordavo assolutamente le dosi da rispettare. Allora ho provato a chiedere un po' di consulenza e mi sono venuti in aiuto Peppino e Filippo, che tante volte lo hanno fatto. 

La ricetta base è la seguente:

  • 3 Kg. di grasso vegetale o animale;
  • 3 litri di acqua;
  • 1 Kg. di soda caustica o idrossido di sodio;
  • si può aggiungere qualche aroma o essenza;
In base alla quantità di grasso si stabilisce in proporzione la quantità di acqua e soda necessarie.

Attrezzature: 
  • Un posto adeguato per poter accendere un fuoco all'aperto e della legna per alimentarlo; è importante che sia all'aperto, perché la soda quando si scioglie emana vapori irritanti;
  • un treppiede adeguatamente grande e sicuro per la caldaia da usare;
  • una caldaia, noi la chiameremmo "cottora"; la raccomandazione è che sia di rame e non di metallo, perché la soda caustica la può bucare;
  • un bastone di legno, perché la miscela va girata continuamente per non far fare depositi sul fondo e renderla omogenea
  • degli stampi, cioè dei contenitori di latta per versarvi il sapone e farlo raffreddare;
  • può essere utile usare guanti o occhiali.



Un'avvertenza importante è che la soda va versata all'inizio un po' alla volta nell'acqua fredda (non l'acqua sulla soda che provocherebbe una immediata fuoriuscita), poi si aggiunge il grasso e si porta a bollitura il tutto; Si continua a far bollire il tutto per almeno tre ore, mescolando continuamente. Il fuoco va tenuto basso perché la miscela tende a fare schiuma e ad alzarsi fuoriuscendo dalla caldaia. 
Quando il sapone è fatto, o è adeguatamente cotto, si vede perché si rapprende sul bastone.
Si versa quindi negli stampi e si fa raffreddare; quando è ben freddo, deve stare almeno un giorno o più se necessario, ogni blocco di sapone si tira fuori dallo stampo e con un coltello adatto si taglia a cubi  nella dimensione voluta.
I saponi ottenuti si mettono ad indurire all'aria e si possono conservare a lungo, tenendoli a disposizione per fare il bucato.

Quella descritta è la tradizionale maniera di fare il sapone.
Su Internet troviamo tutta una letteratura in merito, sopratutto vengono descritte due modi di fare il sapone in casa: "a caldo" o "a freddo". 

Commenti

Post popolari in questo blog

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

L'Acqua di San Franco e la tradizione.

Film: FESTA - Piccola storia di una Epifania