Raccolta di mandorle di Gino Faccia

Post di Ivana Fiordigigli

Raccolta di mandorle

dal Quadernone di Gino Faccia



Quando era tempo di raccolta, in autunno, dal paese le piante di noce e mandorlo si vedevano che sembravano quasi un bosco.
 

Prima venivano raccolte quelle che erano già cadute da sole, poi sotto ogni pianta si stendevano delle ampie lenzuola rustiche, perché spesso sotto c’erano spini o "macerine". 

I rami della pianta venivano battuti, da terra con una “stanga” lunga, salendo sopra la pianta con una “stanga” più piccola.

Noci o mandorle si dovevano “scuncolare” a mano o con la "pretella". 


La maggior parte di esse si vendevano o si davano per pagamenti. 

Con qualche chilo di mandorle si facevano i “nucci atterrati” per feste e matrimoni.

Commenti

Post popolari in questo blog

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

L'Acqua di San Franco e la tradizione.

Film: FESTA - Piccola storia di una Epifania