L'alba (angolo della poesia)

 Post di Ivana Fiordigigli

Non è la prima volta che sul sito citiamo o parliamo di poesia, ma si può stabilire un discorso più sistematico, creando nella settimana un "angolo della poesia"; chiaramente sarà una scelta antologica libera attraverso la poesia del Novecento, dettata dalla sensibilità personale, ma anche dalla facile comunicatività al lettore di impressioni, sensazioni, sentimenti, eventi e quanto altro. 

Se si riesce ad alzarsi presto la mattina e si trova il tempo di fermarsi e guardarsi intorno e in alto, si assiste sempre a uno spettacolo magnifico quando il sole sorge all’orizzonte

Seguono due poesie, tutte e due ispirate dall’aurora che sorge, ma interpretata molto diversamente da due scrittori e poeti del Novecento. Dalle pennellate di sfumature e sprizzanti colori che Marinetti dipinge sulla sua poesia-tavolozza attraverso parole che si rincorrono o si soffermano sulla pagina, passiamo all'alba vissuta da Pavese attraverso gli occhi di una donna, che pian piano si delinea ed emerge dalle nebbie e dal grigio dell'alba ed è lei che illumina tutto ("sei la luce e il mattino").

Da un lato il “realismo lirico e simbolico” di Cesare Pavese, dall’altro la poetica del “futurismo” di Filippo Tommaso Marinetti








Sì, sì, così, l’aurora sul mare

(Filippo Tommaso Marinetti)


3 ombre corrosive contro
                                      l’ALBA
i venti via via lavorando impastando il mare cosi muscoli e
sangue per l’Aurora

EST 
              luce gialla sghimbescia
                                                                            Poi
                                                                   un verde diaccio
slittante
                                                                            Poi

NORD       un rosso strafottente
     rumore duro vitreo

Poi    un grigio stupefatto

Le nuvole rosee sono delizie lontane

     fanfare di carminio      scoppi di scarlatto

fievole no grigio         tamtam di azzurro

No Sì

    NO
           
                    sì
          sì              sì
                               

               SÌ
          giallo reboante

                                    Meraviglia dei grigi

Tutte le perle dicono         

                 Ragionamenti persuasivi verdazzurri delle rade a-
descanti
                  I Lastroni lisci violacei del mare tremano di entu-
siasmo
                 Un raggio Rimbalza di roccia in roccia
                 La meraviglia si mette a ridere nelle vene del mare
                       Rischio di una nuvola blu a perpendicolo sul 
mio capo

                      Tutti i prismatismi aguzzi delle onde impazzi-
scono
                  Calarnitazioni di rossi

                     no
                           no
                                 no

                                                 SI
               SI
                                SI

                                           altalena soffice
                                              dei chiaroscuri
                                                                Puramente

                                      Riposo al largo
                                                              penombra insoddisfazione

                                      Una vela accesa
                                                   scollina all’orizzonte che trema

                ROMBO D’ORO

                   risucchio di tre ombre in quella rada mangiata dal So
le - bocca denti sanguigni bave lunghe d’oro che beve il mare
e addenta rocce

                                      SÌ              semplicemente

                                                       SÌ
                                                       elasticamente

                              pacatamente

                                  COSÌ
ancora
                              ancora
               ANCORA

                              MEGLIO COSÌ










Lo spiraglio dell’alba

(Cesare Pavese)



Lo spiraglio dell’alba
respira con la tua bocca
in fondo alle vie vuote.
Luce grigia i tuoi occhi,
dolci gocce dell’alba
sulle colline scure.
Il tuo passo e il tuo fiato
come il vento dell’alba
sommergono le case.
La città abbrividisce,
odorano le pietre ‒
sei la vita, il risveglio.
Stella sperduta
nella luce dell’alba,
cigolio della brezza,
tepore, respiro ‒
è finita la notte.
Sei la luce e il mattino.










.

Commenti

Post popolari in questo blog

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

L'Acqua di San Franco e la tradizione.

Film: FESTA - Piccola storia di una Epifania