Raccolta di proverbi assergesi: Calunnia; Cane; Capacità; Casa; Cocciutaggine (C.1)

   Post Ivana Fiordigigli


Raccolta di proverbi assergesi

 di Franco Dino Lallil




CALUNNIA


Biàti i calunniati attortamente.


Beati i calunniati ingiustamente.




La lengua nen ha ossa ma ossa rompe.


La lingua non ha ossa ma ossa rompe.





CANE


Cane che abbaia nen mòzzeca.

Can che abbaia non morde.


Nen stuzzicà u cane che dorme.

Non disturbare il cane che dorme.



CAPACITA’



Chi tè occhi e lengua va a Zimerlenga.


Chi ha occhi e lingua va a Zimerlenga (luogo immaginario).





CASA



Casa casarella, la casa mé è la cchiù bella.


Casa casarella, la casa mia è la più bella.





Casa fatta u cape ju tè.


Casa fatta ha il suo capo.




Casa sporca gente aspetta.



          Chi pe ninna chi pe nònna, pe tutte le case ci stave le

        corna.

Chi per ninna chi per nonna, in tutte le case ci sono le corna (preoccupazioni).




La casa nasconne ma nen perde.


La casa smarrisce ma non perde.





Fatte ji affari tì, fàtteji a casta, nen jì cerchènne


 chi te rompe l’ossa.


         Fatti gli affari tuoi, fatteli a casa tua, non andare cercando chi ti rompe le ossa.       



Sa cchiù nu pazze ncasa sé che nu savie ncasa d’atri.


Sa più un pazzo in casa sua che un savio in casa d’altri.





Ugni casa tè la croce sé.


Ogni casa ha la sua croce.






COCCIUTAGINE



Ju pegge sorde è chi nen vòle sentì.


Il peggior sordo è chi non vuole sentire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

L'Acqua di San Franco e la tradizione.