Lucoli, Giardino della Memoria - Programma 26 maggio 2021

 

Post di Ivana Fiordigigli



NoiXLucolionlus è l'associazione che in occasione della ricorrenza dell'Ottocentenario di San Franco ha collocato presso l'Abbazia di San Giovanni di Collimento in Lucoli la piantina di ciliegio dedicata al Santo, luogo dove è vissuto nel convento per venti anni. 
In occasione della cerimonia di benedizione della pianta da parte dell'Abate, attraverso l'associazione "Assergi: cultura, memoria e montagna", "NoiXLucolionlu" ha donato ad Assergi la piantina di quercia, da collocare nel territorio dove San Franco ha vissuto come eremita gli ultimi anni della sua vita ed ove è morto.




I L 2021 È UN ANNO SPECIALE PER IL GIARDINO DELLA MEMORIA DI LUCOLI COMPIE DIECI ANNI


Il Giardino della Memoria del Sisma di Lucoli è oggi protagonista di un ambizioso progetto che

ha come scopo quello di tutelare la conservazione delle risorse genetiche agricole attraverso la

coltivazione in situ di risorse genetiche della frutticoltura autoctone. Nel Giardino sono coltivate

varietà a rischio di erosione genetica, NoiXLucoli Onlus avrà a breve la funzione di “agricoltore

custode”.

Il Giardino della Memoria, oltre che dalla volontà e resilienza dei soci che hanno totalmente

finanziato il progetto, è nato con l’ausilio di tre figure fondamentali: quella di Enzo Sebastiani,

vivaista aquilano, erede di due generazioni di vivaisti forestali che ha selezionato le specie

antiche, quella del Keren Kayemeth LeIsrael Italia Onlus, la più antica organizzazione ecologica

al mondo, fondata nel 1901, che da oltre un secolo persegue la mission dello sviluppo, bonifica

e rimboschimento della Terra di Israele e che ha voluto testimoniare con quest’opera la

vicinanza alla Comunità dell’Aquila dopo il terremoto del 2009 e quella dell’Abate dell’Abbazia

di San Giovanni Battista: Don Amedeo Passarello.


P R O G R A M M A DEL 26 MAGGIO 2021

Giardino della Memoria del Sisma Loc. San Giovanni

11:00 Saluto di benvenuto ai partecipanti da parte del Sindaco di Lucoli Valter Chiappini.

11:10 Il Presidente di NoiXLucoli Onlus accompagnerà i visitatori alla scoperta delle varietà

in via di estinzione coltivate, durante la panoramica sarà illustrato ai partecipanti il

progetto del Giardino dalla sua nascita fino all’evoluzione di tutela scientifica.

Scopertura della targa di adozione di un melo della famiglia Muneretto.

11:25 Piantagione della pianta di ulivo delle Colline di Gerusalemme donata per il decennale

dal Keren Kayemeth LeIsrael. Intervento del Consigliere KKL Dott. Aldo Anav.

Scopertura di una targa commemorativa. Dono all’Abate di San Giovanni di una pianta

di ulivo da parte del KKL. L’Associazione NoiXLucoli Onlus donerà al KKL una delle

piante a rischio erosione coltivate nel Giardino.

11:45 Il Dott. Roberto Santangelo Vicepresidente Vicario del Consiglio Regionale d’Abruzzo

farà un intervento. L’Associazione NoiXLucoli Onlus donerà al Vicepresidente una

delle piante a rischio erosione coltivate nel Giardino.

11:55 Il Sindaco Pierluigi Biondi farà un intervento. Al termine scambio di doni. NoixLucoli

Onlus donerà una maiolica raffigurante un affresco presente nell’Abbazia di San

Giovanni Battista di Lucoli. Il Sindaco di Lucoli donerà agli ospiti prodotti tipici del

territorio. L’Abate Don Amedeo Passarello donerà al Consigliere del KKL Aldo Anav un

omaggio floreale affinché sia consegnato alla sua consorte Edith Arbib Anav, donna di

pace, che prodiga la sua attività in qualità di Responsabile AISES per il dialogo

interreligioso.

12:15 L’Abate Don Amedeo Passarello accompagnerà i convenuti alla vicina Abbazia di San

Giovanni Battista per una visita guidata.

13:00 Termine dell’evento.

* In filigrana la medaglia ricevuta dal Presidente della Repubblica Napolitano per la piantagione del primo albero di questo progetto.

Programma del 26 Maggio 2021 commemorazione decennale del Giardino della Memoria di Lucoli

Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio