Padre Corrado è tornato alla Casa del Padre

Don Manuel Cepeda da questa triste notizia.

Padre Corrado è tornato alla Casa del Padre


E’ tornato alla Casa del Padre Corrado (Domenico) Lancione ofm cap. Per quasi 40 anni aveva svolto il suo ministero a servizio dei malati prima in una clinica privata cittadina e poi, fino alla pensione, nel 2019 presso l’Ospedale San Salvatore dell’Aquila. Tra i vari incarichi anche quello di Parroco della Parrocchia di Rocca di Cambio (1975-77) e di San Giovanni Battista in Pile (1983-1987). Nel 1976 era stato assistente ecclesiastico provinciale dell’U.C.I.I.M., poi cappellano dell’Italtel nel 1977, assistente ecclesiastico delle ACLI nel 1978 e dell’Unitalsi nel 1987. Nato a Roio Colle (L’Aquila) 86 anni fa, il 18 novembre 1934, era stato ordinato presbitero il 28 febbraio 1960. Apparteneva al Convento francescano cappuccino di S. Chiara.

Scampato alla furia del sisma nel 2009 non aveva mai abbandonato i malati anche nelle tendopoli allestite dopo il 6 aprile 2009 per poi tornare a svolgere il suo prezioso ministero presso l’Ospedale di Coppito.

Il Cardinale Arcivescovo insieme a tutta l’Arcidiocesi, mentre prega per l’anima fedele di padre Corrado, eleva la sua lode di ringraziamento a Dio per questo frate che con il suo generoso e instancabile servizio ha donato il conforto umano e spirituale a tantissimi malati del San Salvatore.

I funerali di padre Corrado che aveva contratto il Covid, si terranno domani 9 aprile alle ore 15 nella Chiesa di Roio Colle.


Tratto da ChiesadiLaquila.it



Di Padre Corrado su questo sito ne abbiamo parlato il 7 giugno 2020 per la celebrazione di San Franco a Roio ed abbiamo riportato anche la sua Omelia.


A Roio Piano, nella "Aia Grande" opportunamente predisposta e attrezzata, Domenica 7 giugno, alle ore 10.00, con una Santa Messa si è celebrato solennemente l'Ottocentenario di San Franco.

Concelebranti sono stati il Parroco Don Osman e Padre Corrado, che ha anche ricordato la ricorrenza del suo sessantesimo anno dalla ordinazione sacerdotale. La Pro Loco "Piana di Rojo" ha curato l'organizzazione dell'evento, lo ha presentato, ha viglilato per il rispetto delle regole di distanziamento sociale.

Al termine della Messa si è potuto raggiungere e visitare la "Casa di San Franco" .



Inserito il 7 giugno 2020San Franco

di Padre Corrado


"Motivo di gioia è che stiamo celebrando per ricordare un Santo della nostra terra. Era nato qui a Roio Piano C’è la sua casa qui vicino. Speriamo che la rimettano in efficienza (dai danni del terremoto), creandovi un Santuario, come è stato lui un Santuario della chiesa.

Franco era nato in una famiglia di coltivatori di campi e anche di allevatori di bestiame. Franco era stato educato nella atmosfera familiare da un sacerdote di nome Palmerio. San Franco era stato educato, quindi, alla vita cristiana e portato avanti per essere nella chiesa un testimone della bontà di Dio.

Lasciò la sua famiglia un bel giorno e si presentò nel monastero di San Giovanni di Lucoli per servire e arricchirsi in Dio nella contemplazione, i Benedettini sono contemplativi, e nelle opere di misericordia, numerose opere di misericordia, in particolare al tempo in cui è vissuto Franco.

Trascorse la maggior parte della sua vita, come è stato scritto in alcune note e didascalie, sotto il Santuario del Gran Sasso, la cui volta è il cielo, il limite è l’orizzonte.

Franco è stato sotto la luce di Dio, è stato illuminato da Dio, incoraggiato da Dio a seguirlo fino in fondo nella solitudine, in una grotta di Assergi, dove ha vissuto santamente.

Eccoli i meriti e le virtù che ricordiamo a ottocento anni dalla sua morte.

Questo è un momento di gioia, che ci porta a rivolgere l’attenzione proprio a questa terra di Roio."

Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.