Commemorazione delle vittime del terremoto 2009

Post di Ivana Fiordigigli (vedi più sotto video "Dedicato a Silvana" di Cifone)

Il terremoto della notte tra il 5 e 6 aprile 2009 non ha creato vittime nel borgo di Assergi; infatti non ci sono stati grossi crolli, anche se molte case del centro storico sono rimaste danneggiate ed il centro da quella notte è ancora disabitato e semi deserto, in attesa di una ricostruzione che tarda ad arrivare, mentre muri e tetti continuano a sgretolarsi e crollare.

Nonostante ciò, scorrendo i nomi delle vittime del terremoto sulla targa in maiolica del “Giardino della Memoria” di Lucoli, il quarto nome della lista è quello di una cittadina assergese: Alloggia Silvana.






Il corpo di Silvana riposa attualmente nel cimitero di Assergi, dove riposano anche i genitori. 
Proprio al cimitero è capitato un triste episodio: una tradizionale conca di rame, proprio quella con cui le donne un tempo usavano cogliere l'acqua alla fontana e alla quale lei era affettivamente legata, posta sulla sua tomba come vaso per i fiori dai familiari, dopo poco tempo è stata sottratta con un furto.

La tragica e oscura notte del sei aprile 2009 ha perso la vita sotto le macerie di una casa a Paganica, che di recente aveva acquistato e dove da poco era andata a vivere, trasferendosi dall'Aquila. 
Sembra giusto in questa giornata offrire un omaggio e un ricordo anche a Silvana Alloggia, perché una collettività deve avere memoria e anche Assergi ha qualcuno da celebrare. 

Chi l’ha conosciuta delinea il ritratto di una persona e di una donna sorridente con tutti, estremamente gentile con parenti ed amici, dai modi educati, sempre pronta con un pensiero o un dono, disponibile e pronta ad aiutare il prossimo, grande lavoratrice.




Ha avuto tre figli: Enrico, Carlo, Claudia; due sorelle: Maria Grazia e Patrizia; il fratello Giorgio.




Il padre, Tonino Alloggia, impiegato dell'INPS, eletto negli anni Sessanta come consigliere comunale, è stato molti anni assessore e anche vicesindaco e molto si è dedicato anche per Assergi realizzando una serie di opere pubbliche e dedicandosi al sociale e allo sviluppo della zona e del Gran Sasso.




Video di Sante Acitelli "Cifone"






Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.