Evenienze storico-artistiche del circondario: Il “Gafio”di Camarda

 





Camarda: Il “Gafio”

di Giacomo Sansoni


Una delle evenienze storiche di importante valenza è il Gafio, che in varie frazioni ha avuto perpetuazione sporadica, solo a Camarda ne ha costituito un topos con tipicità e quasi segregazione topografica.

Camarda, naturale presepe che il terremoto ha sconquassato come un plastico nelle mani di un bimbo capriccioso e annoiato. Camarda, luogo di camere dure.

Di mista figliolanza etimologica, dal greco-romano “Camara”, a significare volta di ambiente e, per estensione grotta, stanza, camera e longobardo “hard”: duro.

Camarda luogo delle volte dure, ovvero delle molteplici grotte, anfratti, antri, spelonche, abitate già nel tempo della presenza longobarda (568-773). Periodo in cui, si annovera la costituzione del Ducato di Spoleto, che estese la sua giurisdizione anche sul territorio aquilano.

Luogo duro, per sedimentazione pietrosa e tenero, per la prestevole arrendevolezza del legno costituente il “Gafio” “Jafiu” nel vernacolo locale.

Il Gafio o balcone, ballatoio, aggetto, di stretta derivazione longobarda, sia oggettiva che etimologica: “Waifa”, a significare “terra che non appartiene a nessuno” o tratto di terreno che divide due edifici, con assunzione di duplice significato: vicolo, angiporto e ballatoio, balcone, terrazzo minimo, aggetto: che rappresenta la nota peculiare del borgo.




Il terremoto ha unito ad un destino solidale il duro e il tenero; l’Assoggettabile vulnerabilità del legno, con la figliolanza magmatica della pietra.

La cariata possanza gravosa delle rocce, con la leggerezza arrendevole e deperibile del dominio vitale degli alberi.

Il Gafio, segno distintivo del borgo di Camarda, ne ha, da sempre costituito la cifra valenziale.

Eterogenee le forme dei sostegni e delle ringhiere.

Si annoverano disegni minimalisti, con semplici pioli o tavole inchiodate verticalmente sul pianale e sul parapetto. In alcuni casi v’è ossequio più generoso alla fantasia, tutti accumunati da una soggiacente eleganza e leggerezza.

Da esso generazioni umane e la storia, hanno visto passare la storia. Qualche volta sostare e riconoscersi.

Dal gafio, forse, si è concessa alla contemplazione “la bella di Camarda”, esponente della sovrana bellezza muliebre del luogo, ossequiata, nel 1857, dai versi di Emidio Cappelli. Versi, ispirati probabilmente a personaggi veri: il taglialegna Nicandro e la dolce Margherita, fanciulla che per la sublime bellezza s’avocò, appunto, l’unanime appellativo di “bella di Camarda”. Storia che dà vita alle angustie di Margherita, per l’abbandono coatto di Nicandro, chiamato all’obbligo dei doveri militari, nella campagna napoleonica di Russia, all’intreccio del dispiacere di Lucia, madre del giovane, e altre vicissitudini di violenza, cui dovrà soccombere Margherita, per mano di Lorenzo, spasimante respinto. La storia ha composizione e epilogo a lieto fine.

Pubblicata a Napoli nel 1857, e ristampata a Milano nel 1858, riscosse buon accoglimento dalla critica, compreso il favorevole elogio di Benedetto Croce. Manieri Riccio la definì: “leggiadrissima”; Raffaele De cesare, la dichiarò ”opera bellissima per purezza di forma, d’immagini e reminiscenze dantesche.




Tornando al Gafio, il futuro destino testimoniale di una paternità storica è nelle mani dei, non sempre illuminati amministratori del territorio.

Le gravi conseguenze che, il paese di Camarda, ha patito con il sisma, potrebbero cancellare questa tipologia di reperto e d’una storia minuta, che è anche a testimoniare la non sempre scontata processione delle sue parentele derivali, con percorsi ignoti agli uomini stessi, dominio del caso, come dominio del caso sembrano essere i serpenti migratori delle onde sismiche.

Si prenda coscienza che la responsabilità, di ogni atto minimo, ogni decisione, quella oggettiva e metaforica, inchiodano o non inchiodano, ed è come mettere, o non mettere in croce, quello che gli uomini rappresentano o hanno rappresentato.

Ogni volta che si altera una realtà c'è sempre un conto da pagare, e si concede, a chi ne ha voglia, il potere della fraudolenza revisionistica della storia.

Per iperbole dolorosa, nei casi più perniciosi e abominevoli, con le dovute misure di prospettiva, per esempio, la messa in dubbio dell'olocausto, delle deportazioni, delle purghe staliniane e di tutte le angherie della meschina congerie dei meschini e dei despoti: della scomparsa dei desparesidos, se dai registri della storia scritta dai vincitori, dalla memoria dei perdenti e dai cuori di tutti, s'è fatta sistematica opera di alterazione.

La coscienza civile, a volte ha pochi appigli; qualche volta solo riferimenti minimi, disperatamente minimi e perituri.

I pletorici ritardi nella ricostruzione delle frazioni del comune di L’Aquila, le intricate e farraginose procedure acuiscono, la sedimentata considerazione che le frazioni hanno, da sempre avuto considerazione subalterna, rispetto alla città, nella operatività sociale.

Con l’evento tellurico, per comunanza attribuibile alla insipienza progettuale, si assiste a una sovrapponibile equiparazione delle problematiche ricostruttive simili, a quelle della zona rossa di L’Aquila. Questa coatta vicinanza induca la medesima oculatezza nel restauro.

Che i rantoli di storia, affidati, nel caso, anche al Gafio e a tutte le peribilità dei materiali peribili, come il legno, non vengano soffocati, per soggiacimento a facilonerie e semplificazioni costruttive, solo funzionali, ma prive di respiro culturale.




Perché il Gafio non deve soccombere? Perché non deve essere sostituito, come già nel tempo è stato perpetrato pesantemente con artefatti cementizi assicuranti più consistenza, durata e solidità fisica e psicologica? Forse perché si attesti l’affine peribile trama dei sentimenti umani? Perché si abbia coscienza che un arrogante costruire crea edifici arroganti, per arroganti abitatori. Che alterare la paternità o maternità storica è sempre un delitto.

Nelle complesse logiche dei restauri post-sisma, non è prevista nessuna procedura specifica per il recupero e riproposizione, del manufatto “Gafio”?

Ciò può avere giustificazione, date le molte emergenze artistiche da salvaguardare?

Troppo pensare che per ogni evenienza storco- artistica siano attivate specifiche procedure di salvaguardia? O tutto ricondotto a visioni generali nel recupero di tutte le peculiarità storiche che il territorio ha espresso nei millenni?

Per tutte le espressioni dei gafi, non molto differenti per fattura, preservati fino al sisma, il restauro, o ripristino totale, su mura cadute, comprende addebiti di spesa miseri e contenuti.

In alcuni, l’operazione prevede il restauro totale delle mura e riposizionamento, in altri casi si può prevedere un accorto ripristino non eccessivamente oneroso, di riposizionamento. Ove occorra, solo di capitelli di sostegno, di ballatoi o delle alzate, e delle ringhiere.

Occorreranno trattamenti antitarlo, antimuffa e impregnamento, con tinte colorate. Si potrà attingere alle svariate offerte, messe a disposizione dalla tecnica specifica.

La prassi può essere ricondotta alla procedura di restauro dell’aggregato, con richiamo specifico al manufatto, ove ve ne sia presenza.

Gli importi sono valutabili, per grandezze standard, comprensivo di messa in opera, sull’ordine di qualche migliaio di euro.

Per quanto possibile, nel restauro delle varie espressioni del Gafio, significativa espressione di cultura e civiltà rurale, è auspicabile il riutilizzo del legno originario, vicariando le mancanze con elementi della medesima essenza, avendo cura di antichizzare, con fine sintonico.

I trattamenti devono assicurare fortificazione, protezione ed impermeabilizzazione, utilizzando i generosi presidi che la tecnica largamente permette, avendo cura di non alterarne la sua fabulazione filologico-estetica.

Ove, per mere ragioni statiche, al fine del sostegno, se ne ravvedesse la necessità, si può prevedere di utilizzare sostegni con anime o mensole metalliche, facilmente occultabili, o esponibili, per dichiarato, armonizzato disegno estetico. In ossequio al naturale corredo, riscontrabile, da sempre, nei nordici luoghi di derivazione, tornino ad essere abbelliti, con vasi e fiori multicolori, per una auspicabile rinata primavera.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.