Assergi – TORRE E MURA- (lab. memorie: i luoghi)

 Prosegue la nostra attenzione alle Mura di Assergi attraverso un documento che risale al 18 novembre 1979 e  che Franco Dino Lalli ha cercato e ha curato di trascrivere: 

la Scheda Tecnica della Soprintendenza BA.A.A.A.S. L'Aquila: Torre e Mura

Quello che segue è il testo della Scheda.


E’ una delle dodici torri di fiancheggiamento che un tempo sorgevano lungo le mura di Assergi.

Ha pianta quadrata, è costruita con pietrame appena sbozzato e legato a malta, con ammorsature d’angolo in blocchi squadrato. Ha la base a scarpa probabilmente più per ragioni costruttive che per motivi bellici.

L’ingresso è su un lato, il sinistro guidando il fronte sulla strada, ed è grossolanamente incorniciato con blocchi di pietra. Al di sopra si apre una finta cannoniera, inserimento più tardo, deciso per adattare la torre ai nuovi sistemi difensivi.

Ora la torre è destinata ad abitazione privata: per adattarla a tale scopo sono state aperte alcune finestre, sia sul fianco verso la strada che sul fianco destro.


 Torre, lato (foto in bianco e nero riportata sulla Scheda)


LUOGO: Via Porta Carbonera

OGGETTO: Torre e mura

CRONOLOGIA: sec. XIV

DEST. ORIGINARIA: Torre di fiancheggiamento delle mura

USO ATTUALE: Abitazione

PROPRIETA’: Privata


Tipologia edilizia – Caratteri costruttivi

PIANTA: Quadrata

COPERTURE: Tetto

VOLTE E SOLAI: In legno e muratura

SCALE: In muratura

TECNICHE MURARIE: Pietra spaccata legata a malta



La Torre di Via Porta Carbonera vista da Giacomo Sansoni



Commenti

  1. In questa mia libera riproposizione pittorica, la torre è molto più alta, rispetto all'attuale. La cosa è voluta, perché nella mia, spero non fallibile memoria, negli anni a cavallo del 64-70, per ignorati motivi , essa fu tagliata nella parte sommitale. I merli sono un mio auspicabile desiderio estetico, ovviamente non storico, così come lo è la torretta a fianco

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio