18 marzo 2021 - Giornata nazionale in memoria delle vittime da coronavirus

di Ivana Fiordigigli


Oggi 18 marzo 2021 è stata dichiarata Prima Giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia da corona virus.


Per onorare tale memoria la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha disposto l’esposizione a mezz’asta delle bandiere nazionale ed europea sugli edifici pubblici. Segue la foto di Palazzo Chigi.



Bandiere a mezz'asta ad Assergi.



La giornata è stata celebrata in maniera sentita e particolarmente commovente a Bergamo, dove il 18 marzo dello scorso anno abbiamo visto uscire colonne di camion con le bare dei numerosi deceduti che non si riusciva nemmeno a cremare. Oggi il ricordo con la seguente iniziativa che vuole essere un messaggio di vita e di speranza per tutti e che nel sito del Governo viene così sintetizzata.

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha partecipato a Bergamo alla Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'epidemia da Coronavirus. Dopo la deposizione di una corona di fiori al Cimitero monumentale della città, si è svolta, al Parco Martin Lutero alla Trucca, l’inaugurazione del Bosco della Memoria con la cerimonia per la messa a dimora dei primi 100 alberi.”


(Tra parentesi una nostra riflessione: nel vedere le belle foto della cerimonia della piantumazione dei primi cento alberi del "Bosco della Memoria" di Bergamo alla presenza del Presidente Mario Draghi, non ho potuto non pensare alla unica piantina di quercia, donata da NoiXLucoli ad Assergi nel 2020 in occasione dell'Ottocentenario di San Franco di Assergi, da inaugurare dopo averne effettuato la piantagione. 

Il posto scelto per la collocazione della quercia, dopo averci a lungo pensato e scartato i luoghi più comuni come Piazza San Franco per mancanza di spazio utile alla sua crescita, è il piccolo, incolto spazio, abbandonato anche ai rifiuti, a sinistra della porta del Colle, che può diventare per Assergi un piccolo luogo della memoria riguardo alla secolare tradizione che lega il paese al suo Protettore e riguardo alla importanza che sta sempre più acquistando la necessità di proteggere il proprio ambiente e gli ecosistemi in generale.

 L'associazione NoiXLucoli ha voluto regalarci la piantina, simbolo dell'Eremita che ottocento anni fa ha scelto di vivere nei boschi e di ghiande di quercia si è anche cibato. La quercia è monumento vivo, che respira, che dà speranza, che offre ombra e rifugio, che offre i suoi frutti. Inoltre l'espandersi delle sue radici e la crescita della sua chioma saranno memoria per il futuro, potrà germogliare e crescere.

Il punto su cui riflettere e su cui esercitare analisi critica per l'ardua  comprensione delle dinamiche, è che l'ente che rappresenta la collettività del paese, l'ASBUC di Assergi, non ha mai risposto alle nostre richieste per la collocazione della piantina e per la realizzazione di questa splendida e riccamente simbolica iniziativa. Confidiamo che vorrà almeno partecipare alla sua inaugurazione. Dobbiamo per caso rivolgerci al Presidente Mario Draghi?)










Foto prese dal Sito www.governo.it, con questa dicitura: Immagini messe a disposizione con licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT


Segue il testo del discorso del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi.



"Non possiamo abbracciarci, ma questo è il giorno in cui dobbiamo sentirci tutti ancora più uniti.
A partire da qui, da questo luogo che ricorda chi non c’è più.
In questa città non vi è nessuno che non abbia avuto un familiare o conoscente colpito dal virus.
Cari bergamaschi, avete vissuto giorni terribili in cui non vi era nemmeno il tempo di piangere i vostri cari, di salutarli e accompagnarli per l’ultima volta.
Sono tante le immagini di questa tragedia, che hanno colpito tutti, in Italia e nel mondo.
Una su tutte è indelebile: la colonna di camion militari carichi di bare.
Era la sera del 18 marzo, esattamente un anno fa.
Questo bosco non racchiude solo la memoria delle tante vittime cui va oggi il nostro pensiero commosso.
Questo luogo è un simbolo del dolore di un’intera nazione.
Lo testimoniò già, con la sua presenza alla commemorazione del 28 giugno al Cimitero Monumentale, il Presidente della Repubblica.
È anche il luogo di un impegno solenne che oggi prendiamo.
Siamo qui per promettere ai nostri anziani che non accadrà più che le persone fragili non vengano adeguatamente assistite e protette.
Solo così rispetteremo la dignità di coloro che ci hanno lasciato.
Solo così questo bosco della memoria sarà anche il luogo simbolo del nostro riscatto.
Siamo qui per celebrare il ricordo perché la memoria di ciò che è accaduto nella primavera dello scorso anno non si appanni.
Ricordare ci aiuta a fare buone scelte per la tutela della salute pubblica e per la salvaguardia del lavoro dei cittadini.
Ricordare i tanti e magnifici esempi di “operatori del bene” espressi nell’emergenza da questa terra ci dà la misura della sua capacità, del suo sacrificio.
Vorrei ricordare gli operatori dell’ospedale Papa Giovanni XXIII.
In questi mesi hanno dato un contributo straordinario di professionalità e di dedizione, spesso pagato con la vita.
Vorrei ricordare il miracolo - e non si può definire diversamente - dell’ospedale da campo della Fiera di Bergamo.
Allestito in pochi giorni dagli Alpini, dalla Protezione Civile e dagli artigiani volontari.
E sostenuto dalla grande generosità dei cittadini bergamaschi.
Il sindaco Giorgio Gori ricorda nel suo libro - che ha come titolo “Riscatto” - anche i mille volontari, ragazze e ragazzi, che hanno aiutato le persone in difficoltà.
l sindaco li ha chiamati, a ragione, i “nuovi mille” di Bergamo.
In tutta Italia sono tantissimi i protagonisti silenziosi di questa rete di solidarietà.
Sono tante le figure simbolo della resistenza civile di questa comunità che oggi vorrei ricordare.
Ne cito solo alcune:
Don Fausto Resmini era il prete degli ultimi.
A lui è stato intitolato il carcere di Bergamo di cui era il cappellano.
Con lui rendiamo omaggio ai sacerdoti della diocesi bergamasca deceduti per il virus.
Tra i sindaci storici di questa comunità, rivolgo un pensiero a Piero Busi, primo cittadino per 59 anni di Valtorta, morto nella casa di riposo che aveva contribuito a creare.
E a Giorgio Valoti di Cene, 70 anni, al suo quarto mandato.
Tra gli operatori sanitari: Maddalena Passera, medico anestesista.
Deceduta a 67 anni poco dopo suo fratello Carlo, medico di base.
Diego Bianco, 46 anni, un operatore del fondamentale servizio del 118 della Soreu di Bergamo.
Tra le forze dell’ordine, l’appuntato scelto dei Carabinieri Claudio Polzoni, 46 anni.
Con loro ricordiamo tutte le vittime della pandemia e ci stringiamo intorno alle loro famiglie.
Il governo - e lo sapete bene - è impegnato a fare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile.
Questa è la nostra priorità.
La sospensione del vaccino AstraZeneca, attuata lunedì con molti altri Paesi europei, è stata una decisione temporanea e precauzionale.
Nella giornata di oggi, l’Agenzia Europea dei Medicinali darà il suo parere definitivo sulla vicenda.
Qualunque sia la sua decisione, la campagna vaccinale proseguirà con la stessa intensità, con gli stessi obiettivi.
L’incremento nelle forniture di alcuni vaccini aiuterà a compensare i ritardi da parte di altre case farmaceutiche.
Abbiamo già preso decisioni incisive nei confronti delle aziende che non mantengono i patti.
Il rispetto che dobbiamo a chi ci ha lasciati deve darci la forza per ricostruire il mondo che essi sognavano per i propri figli e nipoti.
Tutta la comunità bergamasca ha dato prova di saper reagire, di trasformare i lutti e le difficoltà in voglia di riscatto, di rigenerazione.
Il suo esempio è prezioso per tutti gli italiani che, sono certo, non vedono l’ora di rialzare la testa, ripartire, liberare le loro energie che hanno reso meraviglioso questo Paese.
E io sono qui oggi per dirvi grazie e per impegnarmi insieme a tutti voi a ricostruire senza dimenticare."





Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.