Attività realizzate dalla associazione culturale “Assergi: cultura, memoria e montagna” nell’Anno Ottocentenario di San Franco

 

L’ impostazione progettuale è stata ufficializzata l’11 dicembre 2019 nella Conferenza-stampa; si è poi rivisto il tutto considerando i condizionamenti per le disposizioni di sicurezza Covid 19, che hanno portato ad una selezione o ridimensionamento delle attività da poter realizzare.

Si ringrazia tutto il Gruppo dei Soci Onorari, i quali hanno operato come comitato scientifico, come consulenza e punto di riferimento, come partecipazione e coinvolgimento nelle attività.

Elenco delle attività realizzate:

  1. Conferenza stampa di presentazione del Progetto Ottocentenario di San Franco di Assergi il giorno 11 dicembre 2019 alle ore 15:00 presso la sede del Parco Gran Sasso e Monti della Laga. C’è stata un’ampia partecipazione di pubblico. Fra gli obiettivi raggiunti dalla conferenza: primo incontro e confronto fra le componenti coinvolte nell’evento; stabilirsi di rapporti costruttivi e di collaborazione; informazione.


  2. Visita Pastorale ad Assergi da parte di Sua Eminenza il Cardinale ArcivescovoMetropolita dell'Aquila Giuseppe Petrocchi il 17 gennaio 2020. L’associazione ha fatto incidere una targa in ottone a ricordo dell’avvenimento e da collocarenella chiesa.Il Cardinale ha incontrato la comunità di Assergi e ha celebrato la Santa Messa nella Chiesa di S. Maria Assunta.


  3. Intervista ai componenti della associazione sul Progetto Ottocentenario da parte di Rete 8, trasmessa a febbraio 2020.


  4. Gemellaggio con i paesi di San Franco. Non si è potuto attuare nella forma e nelle modalità previste dal progetto, ma i contatti avuti fra i “Paesi di San Franco (Assergi, Roio, Lucoli, Arischia, Ortolano, Forca di Valle) hanno portato a delle importanti forme di collaborazione e scambio: partecipazione alle attività; la Pro Loco Piana di Rojo alla manifestazione della sera del 13 agosto ha espletato un servizio di Protezione Civile per la sicurezza e il rispetto delle norme Covid19; l’ASBUC di Roio ha aiutato a documentare la manifestazione; reciproci scambi fra la nostra associazione e NoiXLucolionlus e partecipazione ad alcune attività in Assergi o a Lucoli; collaborazione costante da parte di Arischia. Non si è riusciti a realizzare molto con Ortolano e con Forca di Valle per problemi, sia connessi al terremoto del 2009 che ha portato molti ad allontanarsi dalle frazioni, sia al Covid.



  5. Il 4 giugno 2020, prima giornata dell’Emigrante di San Franco nel mondo, nel corso della S. Messa celebrata dal parroco Don Manuel c’è stata una particolare e solenne benedizione per gli emigranti. Il giornalista e studioso Goffredo Palmerini nel corso della trasmissione televisiva "Cristianità" di RAI Italia, condotta da Suor Myriam Castelli e trasmessa qualche settimana dopo nei cinque continenti, ha parlato di San Franco e del Progetto Ottocentenario.


  6. Celebrazione della Festa Ottocentenaria di San Franco il 5 giugno 2020, anche se le restrizioni Covid non hanno permesso di attuare la tradizionale festa. Molta importanza è stata data sia all’addobbo della chiesa “S. Maria Assunta”, magistralmente predisposto dal parroco Don Manuel, sia alla solenne concelebrazione della S. Messa con la partecipazione di Sua Eccellenza il Nunzio Apostolico Mons. Orlando Antonini, che con la sua omelia ha approfondito la straordinaria figura di religioso dell’eremita San Franco. Al termine della cerimonia si è usciti nella piazza, festeggiando la ricorrenza con alcuni fuochi di artificio e il sollevarsi nel cielo di palloncini bianchi. Hanno partecipato, oltre ai Paesi di S. Franco, anche devoti arrivati da varie località dell’Aquilano, dell’Abruzzo e anche da Roma.


  7. A fine gennaio 2020 ideazione, strutturazione e attivazione del Sito Ottocentenario con indirizzo www.assergi.it .


  8. Partecipazione della associazione “Assergi: CMM” ad un incontro del Giardino Letterario su invito della associazione “San Pietro della Ienca”, con incarico di relazione, sul personaggio storico e religioso di San Franco, a Giuseppe Lalli componente della associazione.



  9. Pubblicizzazione sul sito della associazione www.assergi.it del suggestivo e originale video su San Franco ideato e realizzato a Roio su testo di Fulgenzio Ciccozzi.

  10. Il 13 agosto la giornata si è aperta come tutti gli anni con la tradizionale escursione e celebrazione della S. Messa sul Monte San Franco presso l’Edicola e la sorgente. Qui c’è stata la presenza Sua Eccellenza il Nunzio Apostolico Mons. Orlando Antonini, ed una nuova omelia, questa volta dedicata all’importanza dell’acqua, alla necessità di conservazione e mantenimento delle sorgenti, a un San Franco visto anche in veste ambientale per la sua vita vissuta in afflato e simbiosi con l’aspra montagna, con i boschi e con tutta la fauna anche selvatica che ospitano, con i pascoli e i pastori che seguono con le loro greggi i percorsi, amico soprattutto dei lupi, degli orsi, delle api.







  11. Il 13 agosto alle ore 21.00 si è svolta, in una chiesa Santa Maria Assunta piena di pubblico per quanto hanno permesso i posti distanziati, la prima presentazione di Il respiro della montagna – quadri di racconto, musica e canto. Le musiche originali di Andrei Popescu, in prima esecuzione assoluta, produzione e realizzazione della Associazione Musicale DELTENSEMBLE e del Presidente Fabrizio Casu ed esecuzione da parte del relativo Complesso Cameristico diretto da Alessandro Alonzi, si sono diffuse per le navate della antica chiesa. Hanno accompagnato e fatto da sottofondo, con una melodia innovativa e dai toni attuali, al racconto recitato in ottava rima di una scelta di passi degli Atti di San Franco (dall'antico manoscritto in latino che si fa risalire agli anni settanta del 1200) ed al racconto-riflessione in versi liberi, ma ritmati e cadenzati dei problemi ecologico ambientali che l'uomo di oggi si trova purtroppo ad affrontare. Ad una natura, sempre terribile per la violenza di alcuni suoi eventi, ma sostanzialmente equilibrata ed armonica e rispettosamente usata dall'uomo, si contrappone oggi la preoccupazione per una serie di squilibri naturali che ci condizionano e minacciano ogni forma di vita. Sentito e scrosciante l'applauso finale nei confronti dell'orchestra, degli interpreti, degli autori, degli operatori, della associazione culturale.




  12. Giovedì 20 agosto 2020: escursione, guidati dalla associazione “NoiXLucoliOnlus”, al probabile primo rifugio eremitico di San Franco dopo la sua uscita dal convento: la grotta detta eremo di sant’Onofrio. Questo costituisce un nuovo elemento conoscitivo del percorso dell’eremita. E’ da studiare e verificare.




  13. Mercoledì 14 ottobre 2020, presenti il parroco Don Manuel Cepeda e un gruppo in rappresentanza della associazione culturale “Assergi: CMM”, l’Architetto incaricato dalla Curia dell’Aquila ha consegnato alla Ditta esecutrice l'incarico dei lavori di ristrutturazione della chiesa di Assergi, per l’inizio degli stessi entro dieci giorni. Nella prima metà di novembre la facciata est è stata ricoperta dalle impalcature di ponteggio e si è iniziato a porre riparo al tetto. Dall’arrivo ad Assergi il nuovo Parroco molto si è adoperato per risolvere il problema, operando una serie di sollecitazioni anche attraverso articoli di giornale, servizi televisivi, contatti con gli enti preposti. Essendo il 2020 anche l’anno della ricorrenza ottocentenaria di San Franco, l’associazione culturale ha cercato di sensibilizzare nei confronti del grande patrimonio culturale, sociale, storico e religioso costituito dai luoghi di San Franco e, in primis, dalla chiesa santuario S. Maria Assunta. Già dal primo incontro del Gruppo progettuale di maggio 2019, con la presenza dei Soci Onorari, si è parlato della situazione di degrado e delle infiltrazioni di acqua, e ci si è posti l’obiettivo di sollecitare interventi nelle sedi opportune.


  14. Su invito dell’associazione NoiXLucoliOnlus partecipazione di una delegazione della associazione “Assergi: CMM” il 17 ottobre 2020 alla piantagione di una pianticella di ciliegio a Lucoli, davanti all’Abbazia di San Giovanni di Collimento con celebrazione e benedizione del Parroco. E’ il convento in cui San Franco ha trascorso venti anni della sua vita prima di compiere la scelta dell'eremitaggio che lo porta sino agli alti monti del Gran Sasso. Vicino alla pianticella viene collocato un cippo con dedica all'Ottocentenario. In tale occasione viene donata ad Assergi una piantina di quercia, come albero di San Franco insieme al ciliegio, da collocare opportunamente in Assergi, con la stessa dedica.


  15. Il Presepe Ottocentenario allestito nella chiesa S. Maria Assunta di Assergi ed aperto dal 8 dicembre sino al6 gennaio, con possibilità di prenotazione per le visite. E’ stato ideato e realizzato dalla associazione e da un gruppo di volontari esterni, fra i quali tre artisti di origine assergese (Franca Petricca, Antonio Del Sole, Angelo Acitelli) e la collaborazione di Dina Mosca, Elio De Leonardis, Paolo Acitelli. L’associazione ha presentato domanda al Comune AQ di partecipazione al Bando per il tabellone delle Attività Natalizie 2020. Ne ha dato informazione su “Il Centro” un articolo di Giustino Parisse; per foto e informazioni sul presepe si può accedere al Sito Ottocentenario.



  16. Pubblicazione a fine dicembre 2020 sul sito della associazione della fiaba anno 2020 “L'eremita Franco e i Magi venuti dall'Oriente” illustrata con i paesaggi del Presepe Ottocentenario.


  17. E’ in atto una richiesta all’ASBUC di Assergi, con più di un sollecito, per la designazione di un’area di uso civico di Assergi opportuna per la piantagione e la crescita della piccola quercia, donata ad Assergi da NoiXLucoli Onluss il 17 ottobre 2020 e da dedicare all’Ottocentenario di S. Franco. Ancora oggi non abbiamo risposta, né positiva, né negativa, dal succitato ente, che rappresenta la collettività dei naturali di Assergi.


  18. E’ in corso di definizione il testo “NOMADE DELLA SPERANZA, PELLEGRINO DELL’ASSOLUTO – Atti romanzati di S. Franco”.

  19. Occorrerà documentare e pubblicare quanto realizzato e prodotto per l’Ottocentenario


















Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio