Vaccino anti-covid e vaccino antinfluenzale

 


Queste sono le sere in cui in TV esperti, medici ed opinionisti vengono coinvolti a parlare sul vaccino anti-covid, soprattutto da quando nel Regno Unito si è visto fare i primi vaccini; abbiamo ascoltato il primo italiano che, in quanto fisioterapista in servizio in Inghilterra, ha ricevuto la prima dose e sta aspettando la seconda.

Tutti ci poniamo una serie di interrogativi sul quando e sul come arriverà in Italia e sul piano di distribuzione che si spera sia ben articolato e in grado di garantire sia conservazione ed efficacia del vaccino sia l’accesso ordinato e imparziale a tutti i cittadini, dapprima alle categorie a rischio ed ai più anziani e poi a tutta la popolazione.

Quello che preoccupa è leggere notizie come quella di oggi sul quotidiano!

All’Aquila si sta ancora aspettando ulteriori dosi del vaccino antinfluenzale “che consentiranno di coprire il fabbisogno per i cittadini che hanno più di 65 anni di età o soffrono di patologie che li espongono a rischi maggiori di gravi conseguenze in caso di contagio”

Non solo si è partiti in ritardo rispetto alla data del 1° ottobre, ma con le nuove dosi in arrivo (in pieno dicembre) non è nemmeno sicuro che si arrivi a completare la vaccinazione per le fasce più deboli.

E’ anche possibile una proroga per usufruire del vaccino antinfluenzale sino all’inizio di gennaio, ma c’è un rischio: quello di andare ad interferire con il vaccino anti-covid, che potrà essere somministrato solo se saranno trascorse almeno due settimane dal primo, come da indicazioni inglesi.

Bisogna solo sperare che la distribuzione del vaccino anti-covid sia più chiara, organica, veloce ed efficace di quella del vaccino antinfluenzale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio