Santa Lucia 13 dicembre

Selezionato da Mimina Faccia

Lucia ci dice che la vita è fatta per essere donata.    Lei ha vissuto questo nella forma estrema del martirio, ma il valore del dono di sé è universale: è il segreto della vera felicità.    L’uomo non si realizza pienamente nell’avere e neppure nel fare; si realizza nell’amare, cioè nel donarsi. E questo può essere inteso anche come il segreto del nome “Lucia”: una persona è “luminosa” nella misura in cui è un dono per gli altri.    E ogni persona, in realtà, lo è, è un dono prezioso.
(Papa Francesco)


LUCIA DI SIRACUSA (Da: Agiografia e memoria dei Santi, organizzazione religiosa)
La vergine Lucia è una delle martiri più famose degli inizi dell'era cristiana. Come ricorda il Messale Romano è una delle sette donne menzionate nel Canone Romano. Il suo culto si diffuse rapidamente e si è conservato attraverso i secoli. Conosciamo poco della sua vita. Originaria di Siracusa, dov'è molto venerata, Lucia fu allevata secondo i principi cristiani. La sua fede fu rafforzata in seguito a un pellegrinaggio da lei fatto sulla tomba di sant'Agata,  nonché alla guarigione miracolosa di sua madre. Da allora, Lucia decise di consacrarsi interamente a Dio, distribuì i suoi beni ai poveri e pronunciò un voto definitivo di castità. Denunciata dal fidanzato, fu fatta arrestare dal governatore Pascasio che la condannò al lupanare (bordello) estrema offesa per una vergine. Ma quando i soldati tentarono di condurla in quel luogo di vergogna, lo Spirito Santo la rese così immobile che nussuno riusciva a spostarla, né i maghi, subito convocati, e neppure una coppia di buoi ai quali venne agganciata. Allora il governatore la condannò alla morte col fuoco, ma uscì ancora indenne dalle fiamme, perciò si decise di farla morire per decapitazione. Ma secondo un'altra tradizione morì pugnalata alla gola. Un'antica tradizione afferma che prima del supplizio le furono cavata gli occhi, questo fu forse il motivo per cui ella viene popolamente invocata contro le malattie degli occhi. Le sue spoglie mortali si trovano a Venezia, nella chiesa dei Santi Geremia e Lucia, in un'urna di cristallo. La ricopre una veste di velluto rosso con ricami d'oro, il volto è celato da una maschera d'argento che fu fatta preparare nel 1955 dal cardinale Roncalli, patriarca di Venezia e futuro papa Giovanni XXIII.





 Filastrocca per bambini S. Lucia




SANTA LUCIA

NOTTE LUNGA

LA PIÙ LUNGA CHE CI SIA ..

ENTRERÀ NELLA MIA CASA

NELLA NOTTE SILENZIOSA

SENZA FAR NESSUN RUMORE

COME BATTERÀ IL MIO CUORE

PERCHÈ SVEGLIO IO STARÒ

FINO A TARDI AD ASPETTARLA

TANTE COSE SCOPRIRÒ

COME FA SANTA LUCIA

A PORTARE TANTI DONI


SANTA LUCIA

SANTA LUCIA

NOTTE LUNGA

LA PIÙ LUNGA CHE CI SIA

QUESTA ALMENO L'INTENZIONE

MA ALLE DIECI MENO UN QUARTO

IO MI SONO ADDORMENTATO

COME UN SASSO SUL TAPPETO

E LA MAMMA E IL MIO PAPÀ

DOLCEMENTE MI HAN PORTATO

NELLA MIA CAMERETTA

E INFILATO NEL LETTINO

AL CALDUCCIO DI GRAN FRETTA

RIT. SANTA LUCIA

SANTA LUCIA

NOTTE LUNGA

LA PIÙ LUNGA CHE CI SIA

COSÌ ANCHE PER QUEST'ANNO

CARA MIA SANTA LUCIA

IO VEDERTI NO NON POSSO

MA PROMETTO PER DAVVERO

CHE PER TUTTO L'ANNO INTERO

ESERCIZIO IO FARÒ

PER STAR SVEGLIO FINO A TARDI

FINO A QUANDO VERRAI TU

E CONOSCERTI POTRÒ...






Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio