Antonio Del Sole: il Presepe Ottocentenario di Assergi; il Presepe-rinascita di Tempera



Il presepe di Assergi

Antonio del Sole è l'artista di nascita assergese che ci ha donato per il Presepe Ottocentenario 2020 di Assergi la ricostruzione della medioevale e caratteristica  linea delle mura, che si scopre transitando lungo la SS 17Bis. Si materializza, proiettato con le sue luci sul pannello di sfondo, un paesaggio che ci racconta tutta la passione e la nostalgia di chi in questo paese ha vissuto  la sua infanzia e giovinezza e ne ha amato tutti gli angoli più nascosti.  da parte del paese e della associazione, attraverso la quale ha collaborato all'allestimento del presepe, un grazie ad Antonio Del Sole che si è classificato nel Concorso “La Strada dei Presepi" (Trofeo Scardaci), organizzato dalla Pro loco di Tornimparte, al primo posto nell'edizione 2018.  E' risultato al terzo posto negli anni 2017 e 2019.


Le due foto che seguono sono del presepe di Assergi.






Il presepe di Tempera

Il presepe di Tempera, che qui di seguito vediamo nelle foto scattate da Clelia Scirri. è stato creato e allestito da Antonio Del Sole, su richiesta degli abitanti del piccolo borgo, che lo hanno fortemente voluto, con l'aiuto della sua famiglia. Si presenta, nel segno della speranza e della rinascita per tutti, attraverso la ricostruzione accurata di alcuni angoli e scorci caratteristici e attraverso delle scritte o simboli che richiamano l’attualità di alcuni problemi: la pandemia Covid e i timori e restrizioni che ci sta creando; la minacce alle sorgenti del Vera ed all'acqua limpida che è la vera caratteristica della zona; la necessità di una nuova rinascita dopo il terremoto e la pandemia. Il paese che fu e il paese nuovo che rinasce si incontrano in questi scorci.

Un pensiero di Mimina Faccia ci testimonia la suggestione di questi angoli: "Tempera, Via delle Mole. Ogni anno qui da bambina trascorrevo le vacanze estive. E' un luogo familiare,, lo considero un po' il mio secondo paese, quanto meno per i ricordi che porto nel cuore, unica cosa che ci tiene legati a ciò che abbiamo perso per sempre."

Qui di seguito le foto di Clelia Scirri:












Commenti

Post popolari in questo blog

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio