Ottocentenario di San Franco: il 17 Ottobre a Lucoli

 di Ivana Fiordigigli



Teniamo a mente questa data del 17 ottobre 2020, sarà un momento importante fra le manifestazioni per l’ottocentenario del Santo. In un luogo fondamentale per l’esperienza religiosa e la vita di San Franco, l’abbazia di San Giovanni di Collimento in Lucoli, sarà piantato un albero di ciliegio.

Il luogo in cui viene fatta la piantagione, nei pressi della abbazia, è altrettanto simbolico e pregno di significato: il Giardino della Memoria, splendida iniziativa alla quale ha dato vita l’associazione NoiXLucoli.





Perché un albero di ciliegio? L’Associazione lo ha scelto quale albero-simbolo ispirandosi alla leggenda di Roio, che ci racconta del giovane Franco pastore, che accompagna il gregge in Puglia e che diventa protagonista di una particolare transumanza, con tempi di molto abbreviati rispetto alla durata reale di questi quasi epici spostamenti dei pastori avvenuti nel corso dei secoli.

La leggenda vive in due scene familiari, dal forte valore affettivo, dentro una stanza della casa dei genitori di Franco, dalla cui finestra si vede un bell’albero di ciliegio: il momento della partenza per raggiungere le pianure pugliesi, il momento del ritorno a casa.

Il primo momento ci mostra una mamma piena di apprensione e di ansia per il giovane figlio che parte e deve affrontare i pericoli di un lungo e pericoloso cammino e il ragazzo che la consola e rassicura dicendo che sarà di ritorno quando le ciliegie saranno mature, cioè nel mese di giugno.

Il secondo momento ci fa vedere Franco che torna a casa e la mamma che lo guarda sorpresa perché è il mese di gennaio: “Ma non avevi detto che saresti tornato quando sarebbero state mature le ciliegie?” Franco prende la mamma per mano, la accompagna alla finestra e le mostra l’albero pieno di ciliegie mature in pieno inverno.

Mito e realtà si fondono in un racconto pieno di tenerezza, di fronte a un ciliegio che non obbedisce ai soliti ritmi delle stagioni, ma si piega al desiderio di una mamma di rivedere presto il figlio e si adorna di rosse ciliegie per consentirglielo.

Collegandosi a questa narrazione i soci di NoiXLucoli Onlus hanno deciso di piantare un albero di ciliegio per ricordare il “miracolo del ciliegio”. Un cippo in pietra, vicino alla pianta, ricorderà anche a Lucoli la data dell’ottocentenario.

Il gesto di piantare un albero è un simbolo di vita, di speranza, di un futuro, ma con le radici dell’albero richiama la solidità della memoria e del passato:

La nostra Associazione pianta alberi da quando è stata costituita perché piantare alberi, nella semplicità del suo gesto, è uno degli atti più simbolici e ricchi di speranza che si possano immaginare e offrire ad una comunità. Significa mettere radici, saper aspettare, vivere nel ritmo della natura e contribuire al futuro della Terra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita