Cantico delle Creature

 


di San Francesco d'Assisi



Altissimu; onnipotente bon Signore, 
  tue so' le laude, la gloria e l'onore et orme benediczione. 
  Ad te solo, Altissimo, se confano et nullu omu ène dignu te mentovare. 

Laudato si, mi Signore, curo tucte le tue creature, 
  spezialmente messor lo frate sole, 
  lo quale jorna, et allumini per lui; 
  et ellu è bellu e radiante rum grande splendore; 
  de te, Altissimo, porta significazione. 

Laudato si, mi Signore, per sora luna e le stelle; 
  in celo l'hai formate clarite et preziose et belle. 

Laudato si, mi Signore, per frate vento 
  et per aere et nubilo et sereno et orme tempo, 
  per le quale a le tue creature dai sustentamento. 

Laudato si, mi Signore, per sor'acqua, 
  la quale è multo utile, et umele, et preziosa et casta. 

Laudato si, mi Signore, per frate focu, 
  per lo quale ennallumini la nocte, 
  et elio è bellu, et jucundo. et robustoso et forte. 

Laudato si, mi Signore, per sora nostra matre terra, 
  la quale ne sustenta e governa, 
  e produce diversi fructi, con coloriti fiori et erba. 

Laudato si, mi Signore, per quilli che perdonano per lo tuo amore 
  e sostengo infirmitate et tribulazione. 
  Beati quilli che sosterranno in pace, 
  ca de te, Altissimo, sirano incoronati. 

Laudato si, mi Signore, per sona nostra morte corporale, 
  da la quale nullu orno vivente pò scappare. 
  Guai a quilli che morrano ne le peccata mortali. 
  Beati quilli che se trovarà ne le tue sanctissime voluntati; 
  ca la morte secunda no '1 farrà male. 

Laudate et benedicete mi Signore, e rengraziate. 
  e serviteli cum grande umilitate.


Commenti

Post popolari in questo blog

Roio e Lucoli sulle tracce del monaco Franco: il primo rifugio nel bosco.

A Giuseppe Lalli, sul suo articolo “Assergi, San Franco e Sant’Egidio

Tentativi di casta, Assergi prelatura autogestita